I nostri maestri |Corneliu Zelea Codreanu: punto 13 [ parte 1 ]

Corneliu-Zelea-Codreanu-La-Rarau-1933-34-de-Vasile-Blanaru-din-Campulung-Moldovenesc

PUNTO 13 – Decisioni.

Alla fine della seduta si prendono le decisioni. Ogni seduta deve terminare con risoluzioni precise: occorre cioè indicare a ogni legionario cosa bisogna fare sino alla prossima riunione. Il cuib opera: a) secondo gli ordini ricevuti dai comandanti; b) di propria iniziativa (decisione che esso prende da solo). Il capo di cuib può assumere l’iniziativa in diverse direzioni:

1. Allargamento dell’organizzazione, cioè fondazione di nuovi cuiburi.

2. Raccolta di fondi mediante feste, vendite di opuscoli ecc. (oltre alla raccolta di denaro, che è permessa soltanto tra i militanti della nostra organizzazione).

3. Distribuzione della letteratura legionaria al pubblico non legionario, secondo un piano bene stabilito.

Ogni cuib si trova di fronte un certo numero di persone conosciute. Può trattarsi di amici, di persone indifferenti o di nemici. Il cuib prepara una lista con i loro nomi e indirizzi, poi si propone di convincerli gradualmente e di educarli alla fede legionaria. Allora invia a ciascuno l’alimento spirituale: libri, riviste, articoli, giornali, fotografie, cori, tutto materiale appositamente scelto, secondo lo spirito e la disposizione mentale della persona che lo leggerà. Una persona può essere influenzata da un certo libro, un determinato articolo, un certo giornale e rivista. Un’altra, da certi altri.

C.Z. Codreanu, Il Capo di Cuib