I cattolici grillini sono serviti | Gianfranco Amato


 7 aprile 2017 

 Gianfranco Amato
Quale fosse il nuovo corso dell’amministrazione comunale di Torino con la “sindaca” grillina Chiara Appendino lo si era capito subito. Fu proprio lei, infatti, a vantarsi di aver assunto, quale prima decisione simbolica, quella di declinare la parola famiglia al plurale. In tutti gli atti della città, compresa l’iscrizione all’asilo nido, il sindaco di Torino ha imposto di parlare di “famiglie” in modo da racchiudere in questo concetto qualunque tipo di unione: dalle coppie omosessuali alle unioni civili. E non è un caso che la guida del neo assessorato alle Famiglie sia stata affidata a Marco Alessandro Giusta, ex presidente di Arcigay, il quale se ne uscì, appena nominato, con questa dichiarazione: «Il passaggio dal concetto di famiglia a quello plurale di famiglie negli atti dell’amministrazione non è solo una questione nominalistica, ma un cambio di approccio che consiste nel dare un nome alle cose, a quelle realtà che già esistono e che non trovano un riconoscimento nemmeno nel linguaggio».

Ma il nuovo corso dell’amministrazione torinese a 5 stelle non si è fermato alla rivoluzione grammaticale del termine famiglia.

L’Appendino è andata avanti in maniera tranchant contro tutto ciò che ha il minimo sentore di cattolico e odora d’incenso.

Ora, infatti, è toccata anche alle scuole paritarie. Chiara ha deciso di tagliare del venticinque per cento i contributi previsti proprio per quelle scuole. Un vero e proprio colpo che rischia di compromettere definitivamente la già precaria situazione di quella realtà educativa, e che ha fatto dire all’Arcivescovo di Torino di essere «sorpreso e amareggiato». Ora, con tutto rispetto per Sua Eccellenza, che sia amareggiato lo si può comprendere, ma sulla sua sorpresa ci permettiamo di nutrire qualche perplessità.

Tutti sapevano, infatti, prima di votare, che Federica Patti, assessore all’Istruzione, fosse sostenuta dalla lobby anticlericale che intendeva affossare le scuole materne paritarie. Come ha spiegato bene il consigliere d’opposizione Silvio Magliano in un’intervista rilasciata a “Tempi” il 21 luglio 2016, nel programma elettorale dell’Appendino non è stata prevista neppure una benché minima citazione delle cinquantasei scuole paritarie, proprio per l’espressa opposizione di Federica Patti da sempre contraria a riconoscere l’importanza di quelle scuole. Un’opposizione sostanzialmente ideologica, promessa prima delle elezioni e mantenuta dopo la vittoria. Che la questione di bilancio, poi, sia meramente pretestuosa lo dimostra il fatto che i tagli non hanno minimamente scalfito altre spese decisamente più superflue, come quelle relative alle auto blu degli assessori. Lì non si è risparmiato neppure un euro. Anche su quest’ultimo punto qualcuno ha giustamente ricordato gli slogan demagogici di Luigi Di Maio e gli altri grillini sui tagli alle spese della cosiddetta “casta”, che evidentemente non valgono più quando ad entrare nella casta sono proprio loro.


Pure sulla famiglia Chiara lo era stata di nome e di fatto. Nel programma presentato in campagna elettorale, infatti, l’Appendino aveva messo nero su bianco l’impegno a modificare lo Statuto della Città per introdurre il riconoscimento formale del concetto di “famiglia omogenitoriale”, una mossa che ha portato, tra l’altro alla dicitura “Genitore 1” e “Genitore 2” sui moduli scolastici e sugli altri atti che riguardano le famiglie con figli.

Anche questo lo sapevano tutti prima di votare. Persino quei cattolici, parroci compresi, che hanno votato convintamente per il MoVimento 5 Stelle. Magari con la buona intenzione di punire Renzi.

Bene ora questi cattolici, parroci compresi, sono serviti!

Povera città di don Bosco. Ma, del resto non ci si deve meravigliare che questo sia accaduto proprio a Torino. Vittorio Messori nel suo libro “Il Mistero di Torino”, ha scritto che durante la visita di San Giovanni Paolo II alla Città della Mole, nel 1988, lo stesso Papa proferì queste parole: «La città di Torino era per me un enigma. Ma, dalla Storia della Salvezza, sappiamo che là dove ci sono i Santi entra anche un altro che non si presenta con il suo nome. Si chiama il Principe di questo mondo, il Demonio». A Torino questo Principe è di casa. E a volte ama pure travestirsi con un grembiulino e tenere in mano un compasso.


Sempre durante quella famosa visita, e precisamente il 4 settembre 1988, in Piazza Santa Maria Ausiliatrice il Papa Santo invitò Torino a convertirsi.

Beh, dopo ventinove anni, pare proprio che quell’invito, purtroppo, sia caduto nel vuoto.

Preghiamo per Torino e per i torinesi.

Gianfranco Amato

Il ruolo della Religione nella vita | Un contributo dell’Associazione Imam Mahdi

  
Cambiare vita significa ricreare sulla Via Retta rivelata da Dio l’orientamento integrale dei propri Atti, Pensieri e Parole verso Dio Signore dei Mondi e ciò con una radicale rottura con le nostre abitudini inveterate. Ciò va di fato attuato con la ricerca di un modo di vita che sia conforme e che predisponga all’osservazione della Legge, dei Suoi Ordini e dei Suoi Precetti.Laddove vi sono situazioni che per esperienza risultano immodificabili e che ostacolano l’Anima nel suo compito, esse vanno tagliate con la spada della discriminazione e col cambiamento del terreno nel quale queste abitudini trovarono il loro ambiente ideale di proliferazione.

Stapparsi dal comodo terreno, velenoso ricetto delle nostre false abitudini ereditate dall’aggregato malato di preconcetti e desideri vani – disgregare tale aggregazione attraverso un atto di conoscenza e volontà diretto esclusivamente al Bene di Dio che è il nostro stesso Bene.

Il veicolo di tale atto non può che essere la Determinazione intellettuale che vede ciò che è meglio per l’anima sulla Via di Dio e predispone la vita a portare il peso, la responsabilità, il destino di un’esistenza “per” Dio e “per” la Sua Verità, non “per” il mondo e la Sua Vanità. Tale atto è un atto che determina l’esistenza al servizio di Dio e che “testimonia” il Suo Ordine in se stessi e nel mondo – è un atto ad un tempo Spirituale, Religioso e Politico: spirituale perché determina il proprio orientamento interiore nei confronti della conoscenza di Dio che è conoscenza del Sé autentico e del principio spirituale dell’essere umano, Religioso perché tale orientamento si realizza qui e ora nella pratica di una Legge Rivelata e nella Comprensione dei Suoi Significati, Politico perché testimonia un agire altro rispetto a quello del mondo attuale.

Il nostro agire religiosamente conforme ai Principi che ci sono stati trasmessi dai Profeti (AS) e dagli Imam (AS) non può non essere visto dagli altri come un atto politico nel senso reale del termine, vale a dire teso a determinare un retto orientamento dell’agire umano che, contemplando tutti i piani della realtà, si oppone e ostacola i disegni di un modo che vuole essere svincolato dal principio Divino non riconoscendolo, non accettandolo e non volendo chiaramente che la Sua Volontà sia Guida all’azione e all’insegnamento e determini il destino degli uomini e delle società.

Il nostro agire conformemente alla Legge ci farà altri, estranei e pericolosi per questo mondo, in quanto la Legge di Dio e i disegni degli esseri umani sono irriducibili e inconciliabili.

La determinazione spirituale efficiente che ci rende necessaria la conoscenza di Dio determina quest’ultima informandola in una Rivelazione che è frutto di salvezza per chi la riconosce, la accetta e la vive – e vivere una Rivelazione che pone una Realtà unica che va realizzata senza che vi sia contrasto tra ciò che uno pensa e ciò che uno fa. E’ un Atto Politico che si pone come segno di discriminazione per un mondo nel quale Dio e la Sua Volontà sono stati rimossi, accantonati e apparentemente neutralizzati.

La nostra Fede è un segno distintivo che fa ritrovare alla nostra esistenza il suo asse portante – ordine che non è solo nostro ma di tutti gli esseri dotati di intelletto e quindi potenzialmente capaci di comprenderlo.

Si tratta quindi di non separare i vari piani e aspetti dell’esistenza ma di rimetterli tutti “integralmente” a Dio che li ricollegherà e penetrerà col Suo Spirito ricostituendone l’equilibrio interno, unico modo per non cadere nell’impossibilità di difendere e mantenere la dignità di esseri umani in cerca della Sua Conoscenza e della Sua Verità, pronti a testimoniarne la Via, l’Ordine e la Rivelazione.

E’ necessario quindi ritrovare un’identità chiara e stabile in tutti gli elementi e rapporti della nostra vita nella quale coltivare interamente la nostra Via verso il Vero, senza fratture tra l’interiore e l’esteriore, tra l’io e gli altri, ma con perfetta consapevolezza che le manifestazioni dell’agire dell’uomo o convergono verso un unico Fine o si disgregano in fini molteplici e vari che disgregano ad un tempo l’anima e l’intelletto dell’essere umano.

In sintesi, lo spazio della Religione nella nostra vita deve essere lo spazio stesso della nostra vita.

A cura di Islamshia.org © E’ autorizzata la riproduzione citando la fonte

Il sindaco di Santa Marinella: “Tante opere rallentate dalla burocrazia”

ROBERTO BACHECA_3

Ecco riapparire il classico ping-pong tra autorità politiche e burocrazia volto a deresponsabilizzare il Comune di fronte all’incompetenza della giunta comunale. Insomma, la burocrazia è diventata una sorta di alibi per gli amministratori locali per disinteressarsi completamente della situazione oggettiva.  

SANTA MARINELLA – Il sindaco Roberto Bacheca si augura un 2015 più prolifico per la città di Santa Marinella e spera che si possano realizzare tutti quei progetti che sono inseriti nel programma del nuovo anno. Lo stesso, inoltre, sottolinea quello che non lo ha soddisfatto in tema di attività amministrativa. “L’unica cosa che non mi è piaciuta sono state le lungaggini burocratiche che hanno fermato alcuni lavori pubblici come la biblioteca comunale, Lungomare Marconi e via Delle Colonie. Fortunatamente, con il buon senso, stiamo cercando di risolvere questi problemi tanto che la strada dei campi sportivi sta finalmente andando avanti mentre, per quel che riguarda la biblioteca, stiamo predisponendo un bando di gara aperto o, in ultima analisi, dare una assegnazione diretta”. Uno dei progetti che potrebbero segnare la giunta Bacheca, è quello della realizzazione della nuova piazza cittadina, il cui progetto esecutivo è in fase di espletamento. Ma la nota positiva che ha caratterizzato la fase finale dell’anno scorso è la promessa fatta dalla Regione Lazio di erogare un contributo per costruire un’opera che possa migliorare l’assetto idrogeologico. “Stiamo pensando che l’opera più importante in questo momento è l’allargamento del ponte ferroviario di via Valdambrini – continua il primo cittadino – sarebbe la soluzione per un netto miglioramento della viabilità di quel rione”. Tra i problemi a cui Bacheca ha dovuto far fronte, ci sono le opere di sistemazione degli impianti sportivi comunali. “Il Pala De Angelis lo abbiamo migliorato – sottolinea il sindaco – restano ora la piscina comunale e il campo di calcio. Per quanto riguarda la piscina stiamo predisponendo gli atti e molto probabilmente entro gennaio inizieranno i lavori per la messa a norma della struttura. Sull’impianto sportivo di via delle Colonie invece bisogna ottenere la concessione dei terreni dalla Gepra e poi si potrà provvedere alla sistemazione.

Fonte: Civonline

L’obiettivo di Renzi: lavoratori tutti uguali e tutti sfruttati

man-at-workDa molto tempo la propaganda sistemica, per giustificare lo smantellamento delle difese dei lavoratori, utilizza subdolamente i temi della precarietà e della disoccupazione, anche se dovrebbe essere evidente, soprattutto a chi vive situazioni di precarietà, di lavoro nero e di assenza di occasioni lavorative, che i contratti a termine del precariato e la disoccupazione di massa è lo stesso sistema ad averli diffusi, fino a esaltare la “spaccatura” nel mercato del lavoro italiano, che oggi possiamo osservare con estrema chiarezza. Si tratta di una tripartizione che genera squilibri e ingiustizie sociali, non producendo alcun effetto positivo per la produzione, i redditi e i consumi, come ci insegna un’esperienza ultradecennale.  Il mercato del lavoro è così tripartito:

1)    Lavoro “garantito”, cioè quello ancora tutelato dalla normativa vigente e dallo statuto dei lavoratori degli anni settanta, che sta diventando sempre di più l’ultima “ridotta”, particolarmente nel pubblico impiego, dei diritti e delle tutele concesse ai lavoratori. E’ destinato progressivamente a scomparire, perché troppo “oneroso”, sia in termini di costi, sia in termini di “privilegi” concessi ai lavoratori protetti, in ossequio agli interessi degli agenti strategici neocapitalistici, ben tutelati dai loro servitori politici locali. Obiettivo di attacchi continui e reiterati (Sacconi, Brunetta, Renzi), addirittura d’insulti e di criminalizzazione (Ichino, i “nullafacenti” della pubblica amministrazione) il lavoro stabile, garantito e a tempo indeterminato è contrario all’ideologia neoliberista dominante e, per tale motivo, deve essere portato a estinzione. La stabilità del lavoro e le garanzie garantite dal comunismo, dal fascismo, dal keynesismo postbellico, non appartengono in alcun modo alla liberaldemocrazia di mercato, espressa dal grande capitale finanziario. 

2)    Lavoro precario, flessibile, interinale, introdotto in Italia nella seconda metà degli anni novanta e dilagato progressivamente nei duemila, figlio naturale del cosiddetto toyotismo. Dal “just in time”, applicato una prima volta negli anni settanta, per razionalizzare le scorte, dall’industria automobilistica giapponese (la Toyota, appunto), compiendo un passo successivo di grande rilevanza sociale e antropologica, si è deciso di estendere il “toyotismo” e di pagare i lavoratori esclusivamente per il tempo di lavoro, utilizzando il “servizio lavorativo” quando necessario per esigenze produttive. Da questo punto di vita, chiaramente economico e di organizzazione della produzione, l’imposizione del lavoro precario mira a razionalizzare l’uso del fattore-lavoro comprimendone all’estremo i costi, come nel caso delle materie prime, dei pezzi da assemblare, delle scorte, dei semilavorati. E’ chiaro che il precario non è un cittadino, nel mondo neocapitalistico, ma soltanto l’anonimo prestatore di un servizio lavorativo, che si tende a pagare sempre meno, riducendone l’incidenza sul costo di produzione. Quella dell’imposizione di soli contratti a termine e precari, in un progressivo e rapido evaporare dei diritti, è la strada scelta dagli agenti strategici neocapitalistici per l’Italia, ed è esattamente la consegna che hanno dato ai lacchè subpolitici, come Matteo Renzi. 

3)    Lavoro nero, senza oneri contributivi e prelievi fiscali, senza alcuna garanzia e diritto. Realizza il massimo della flessibilità/precarietà del lavoratore, alimenta l’evasione e garantisce un significativo risparmio di costi. Con il declino produttivo in accelerazione e la disoccupazione galoppante, anche il lavoro nero entra in crisi, riducendosi il numero degli occupati, non pagando i lavoratori e aumentandone lo sfruttamento.

Se questa è la situazione, Renzi spergiura di voler rinnovare il mercato del lavoro dalle fondamenta, introducendo un nuovo contratto d’ingresso che partirebbe da una condizione di precarietà per arrivare alle chimeriche tutele. Dichiara di voler semplificare e di voler estendere le opportunità di lavoro anche a chi, oggi, ne è escluso. Dichiarazioni chiaramente mendaci, le sue, che nascondono l’unico esito possibile della riforma: rendere il lavoro precario contrattualizzato (di cui al punto 2) assolutamente prevalente.

La cgil, messa con le spalle al muro, non può approvare il “piano lavoro” renziano apertamente, ma deve fingere di attaccarlo, deve contestarlo con enfasi e risonanza mediatica. Perciò si erge a difesa di quel vecchio simulacro che ormai è diventato lo statuto dei lavoratori, che ancora sbarra la strada, con l’articolo 18, ai sogni liberisti, europeisti “alla Benigni”, occidentali, di libertà, cioè, nel concreto, alla realizzazione di una precarietà assoluta e generale.

Renzi e i suoi accoliti vogliono realizzare i “sogni” dei padroni neocapitalisti, unificando il mercato del lavoro italiano sotto il segno, non dei pesci, ma della precarietà fin dall’inizio della vita lavorativa. La cgil dell’orripilante Camusso, legata a doppio filo al pd, deve obbligatoriamente fingere di opporsi e di tutelare gli iscritti, per trattenere tessere e consensi. La cosa, in effetti, puzza di bruciato, di contrapposizione sul piano mediatico-propagandistico che non fermerà “il nuovo che avanza”, rullando i lavoratori. In prima battuta, il contratto d’ingresso senza diritti per i nuovi assunti, poi, in futuro, l’abolizione del tempo indeterminato anche per i “vecchi” lavoratori. Non si può partecipare troppo apertamente al massacro, questo ai vertici della cgil lo sanno bene, perciò si oppongono alla riforma, a costo di passare per “conservatori”!

Uno scontro fra “parenti serpenti”, quello fra Renzi e Camusso, disposti a coprirsi a vicenda di contumelie, a fronteggiarsi tirandosi piatti e soprammobili ma uniti da vincoli “di sangue” e di appartenenza. Più che altro, l’ennesima recita infarcita di imbrogli, finzione e malafede, per truffare gli italiani.

E’ bene analizzare di seguito ciò che ha dichiarato in proposito Renzi, in un video presente su You Tube della durata di due minuti e mezzo. Le parole e i buoni propositi espressi dal furbetto neoliberista, in polemica col sindacato, nascondono le sue vere intenzioni nei confronti del “popolo lavoratore”, non dissimili da quelle di Draghi, della Lagarde, di Junker, a lui ideologicamente affini.

La cgil avrebbe deciso l’attacco al governo, secondo Renzi, che accetta la “sfida” della Camusso (sicuro di vincerla, a quanto sembra) e nega di aver in mente Margaret Thatcher quando si parla del lavoro. Infatti, possiamo scommettere che lui non incontrerà una resistenza sanguinosa come quella opposta alla Thatcher dai minatori britannici di Arthur Scargill (dal 1984 al 1985), ma, al più, le blande resistenze di maniera della cgil all’abolizione dell’articolo 18. Per questo Renzi dichiara in video di non preoccuparsi di uno scontro del passato, ideologico, come non si preoccupa della Thatcher, ma di Marta, di 28 anni, che non ha la possibilità di avere il diritto alla maternità. Lei sta aspettando un bambino, ma a differenza delle sue amiche, che sono dipendenti pubblici, non ha nessuna garanzia. Perché? Perché in questi anni si è fatto cittadini di serie A e di serie B. Pensa a Giuseppe di 50 anni che non può avere la cassa integrazione, o a chi, piccolo artigiano, è stato tagliato fuori da tutte le tutele. Magari la banca gli ha chiuso i ponti e improvvisamente si è trovato dalla mattina alla sera a piedi. Come si nota, con molta malizia tira in ballo una precaria che non può andare in maternità, ma solo per stigmatizzare la tutela finora concessa ai dipendenti pubblici – come se fossero loro i colpevoli della situazione di Marta – fra i quali le sue amiche che hanno il diritto alla maternità. Perché non toglierlo anche a loro, questo diritto, per una questione di giustizia, rendendo i cittadini tutti uguali? Perché non ridurre tutti come Giuseppe, senza cassa integrazione, o come il piccolo artigiano (una sorta di “piccola fiammiferaia” dei nostri tempi, che suscita tenerezza), rovinato dalle banche? Il suo vero piano, incentrato sull’estensione massima della precarietà lavorativa, è ridurre tutti a cittadini di serie B, senza discriminazione alcuna, come Marta, Giuseppe e il piccolo artigiano.

Renzi e i suoi pensano ai co.co.co. e co.co.pro., pensano a quelli ai quali non ha pensato nessuno in questi anni. Condannati a un precariato a cui il sindacato ha contribuito, preoccupandosi soltanto dei diritti di qualcuno e non dei diritti di tutti. Loro non vogliono il mercato del lavoro di Margaret Thatcher, ma i cittadini tutti uguali sul mercato del lavoro (nel senso prima esplicitato, però), un mercato del lavoro giusto e regole giuste, non che dividono sulla base della provenienza geografica e non regole complicate. Se poi con queste regole nuove aziende, multinazionali e non solo, verranno a investire in Italia e creeranno posti di lavoro, si potrà finalmente dare il lavoro a chi non ce l’ha. Così s’introduce il tema dei capitali stranieri che devono tornare a investire in Italia, ma che lo faranno, come sappiamo, solo se il lavoro sarà debitamente flessibilizzato, offerto a prezzi stracciati e a condizioni di semi-schiavitù. Renzi è felice, come ha dichiarato più volte, se i grandi squali “investono” in Italia, facendo lo shopping di aziende a prezzi di fine stagione, anche se poi chiudono e spostano le produzioni in estremo oriente o nell’Europa dell’est.

Ai sindacati che vogliono contestarlo (Camusso, Landini) Renzi dice: dove eravate in questi anni quando si è prodotta la più grande ingiustizia che ha l’Italia? L’ingiustizia tra chi il lavoro ce l’ha e chi non ce l’ha, tra chi ce l’ha a tempo indeterminato e chi è precario e soprattutto tra chi non può neanche pensare a costruirsi un progetto di vita, perché si è pensato soltanto a difendere le battaglie ideologiche e non i problemi concreti della gente. Sono i diritti di chi non ha diritti che ci interessano e noi li difenderemo in modo concreto e serio. Commovente. I diritti di chi non ha diritti. Una frase di sicuro effetto alla papa Francesco (non d’Assisi, ma de Xavier, gesuita). Così, per difendere gli ultimi, si abolisce la tutela dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori per i nuovi assunti “a tutele crescenti”, in modo tale che l’ingresso nel mondo del lavoro sia sempre e comunque precario. A questo, forse, non ci aveva pensato neppure Marco Biagi (n. 1950, giustiziato nel 2002), il giuslavorista e consigliere ministeriale da laboratorio, che ha contribuito a inoculare il virus della precarietà nella società italiana. Sulla concretezza e sulla serietà dell’impegno, trattandosi di Renzi, è lecito avanzare qualche dubbio.

Su una cosa, però, ha ragione l’imbonitore fiorentino, in polemica strumentale con la cgil: ciò che è accaduto ai lavoratori negli ultimi decenni, tutte le ingiustizie che hanno subito, portano anche la firma dei sindacati, che hanno favorito, in modo più o meno scoperto – scopertamente la cisl, più subdolamente la cgil e ancor più nascostamente la fiom – la “discesa negli inferi” neoliberista del lavoro, siglando contratti-truffa e accordi-capestro, avallando riforme antipopolari, facendo carne di porco persino dei loro iscritti.

di Eugenio Orso 

Fonte: Pauperclass 

L’Italicum: una riforma per cancellare il dissenso

185440667-49c845bb-cf6d-495a-8b90-7dea980476efL’ultima trovata per fregare gli italiani ha un titolo latineggiante: Italicum. Che, nella fattispecie, non va confuso con la littorina di Cordero di Montezemolo (quella si chiama Italico), ma va piuttosto collegato ai precedenti sistemi elettorali – il Mattarellum ed il Porcellum – per i quali si sono scomodate desinenze della lingua dei nostri padri. Niente di nuovo sotto il sole. Dalle nostre parti, quando si vuol turlupinare la povera gente, la si stordisce con accenti latini. Il padre della lingua unitaria italiana, Alessandro Manzoni, lo faceva dire a Renzo Tramaglino, quando Don Abbondio – sotto ricatto da parte dei bravi di Don Rodrigo – biascicava citazioni latine per giustificare la mancata celebrazione delle nozze dello stesso Renzo con l’amata Lucia: «Si piglia gioco di me? – rispondeva il Tramaglino al parroco infedele – Che vuole ch’io faccia del suo latinorum?»

Ma gli italiani di oggi non hanno l’intuito ruspante del personaggio manzoniano, e non capiscono che ci si sta prendendo gioco di loro. A giudicare almeno dai sondaggi, secondo i quali il 60% degli interpellati giudica positivamente il “latinorum” renziano. Eppure, dovrebbe essere chiaro a tutti il doppio inganno che si cela dietro questo ennesimo pastrocchio bipartisan. Primo inganno: si storna l’attenzione dell’opinione pubblica dai fatti concreti (disoccupazione, chiusura delle aziende, impoverimento diffuso) e la si dirotta verso problematiche che interessano soltanto il palazzo. La gente non mangia riforme, tantomeno riforme elettorali, eppure il 60% degli italiani riesce ad apprezzare la melina della proposta renzaian-berlusconiana. Secondo inganno: l’Italicum serve soltanto a privare di una rappresentanza parlamentare le forze politiche minori, alcune delle quali sono critiche nei confronti della globalizzazione economica e della perdita della nostra sovranità nazionale a pro di una Unione Europea che ci sta vampirizzando.

L’operazione è stata avviata nel 2008, con un sistema elettorale che ha portato all’esclusione dal Parlamento italiano – guarda caso – proprio de La Destra e di Rifondazione Comunista. Adesso, con il sopraggiungere del Movimento 5 Stelle e con il riposizionamento della Lega Nord su posizioni di destra radicale, occorre escludere (o, almeno, depotenziare) anche loro. Ma, soprattutto, occorre sbarrare il passo ad una grande forza politica populista, antieuropea ed antiimmigrazione che, con ogni probabilità, nascerà in Italia dopo le elezioni europee del prossimo maggio, sull’onda del successo che analoghi schieramenti politici avranno registrato in Francia e altrove.

L’Italicum, dunque, disegna un parlamento bipolare o quasi, nel presupposto che le due forze politiche che al momento appaiono più forti (PD e Forza Italia) continuino ad esserlo anche in futuro: beninteso, mantenendosi fedeli al verbo globalista ed europeista. Buttati nella spazzatura i vecchi arnesi appena utilizzati (Monti e Letta), l’apparato dell’Unione Europea sembra puntare adesso su Matteo Renzi come nuovo proconsole. A Berlusconi – troppo bravo per essere gettato via come una scarpa vecchia – viene offerta una via di fuga: archiviare i timidi sussulti populisti e le amicizie pericolose (leggasi Putin), tornare disciplinatamente nell’alveo dell’obbedienza a Santa Madre America, ed obbligarsi a rispettare gli “impegni con l’ Europa ” che ci stanno strangolando. Se sarà bravo ed obbediente, potrà partecipare alla lotteria dell’alternanza: una volta a te ed una a me, un colpo a destra ed uno a sinistra, una furbata di qua ed una di là. Tanto il popolo italiano è duro di comprendonio, e basta un po’ di latinorum per fargli perdere di vista le cose importanti.

Michele Rallo

La crisi della politica rischia di condurre alla violenza di massa

di Massimo Fini

Mentre in Italia ci si estenua polemizzando per giorni sugli eccessi verbali dei post di Grillo, dei grillini, del loro blog, contrastando questa deriva con altri eccessi, se possibile ancora più grotteschi, definendo Grillo «semplicemente un nazista», come fa Giuliano Ferrara sul Foglio (‘nazista’ è un termine che ha un significato preciso e per non usurarlo, e quindi svilirlo, andrebbe usato con cautela e a proposito, tanto che nello stesso Israele si sta pensando di proibirne, proprio per questi motivi, ogni utilizzo che «esca dall’ambito storico») o instaurando paradossali paragoni fra l’incendio di 20 mila volumi perpetrato nel 1933, davanti al Reichstag, dai giovani nazisti della Lega degli studenti guidati da Goebbels e il libro di Augias buttato nel caminetto da un certo Francesco Neri di Zagarolo, grillino presunto, mentre la presidente della Camera, Laura Boldrini, minacciata sui blog di stupro virtuale, in una telefonata a Massimo Giletti bolla i grillini come «eversori» e replica in una comparsata da Fabio Fazio a Che tempo che fa, e il premier, il segretario del Pd, alcuni ministri, autorevoli esponenti dell’opposizione twittano ossessivamente, sbertucciandosi l’un l’altro in diatribe senza fine che poi rimbalzano e controrimbalzano nei circa trenta talk show delle Reti televisive, per cui anche il cittadino che abbia la voglia e la pazienza di seguire la politica nazionale finisce per non capirci più nulla (apparterro’ a un’epoca pleistocenica ma a me pare che i rappresentanti delle Istituzioni dovrebbero esprimere le loro opinioni e parlare in Parlamento, che proprio per questo cosi’ si chiama, piuttosto che nei social network) ci pensa l’Unione Europea a riportarci bruscamente alla realtà. Secondo il Rapporto della Commissione europea la corruzione in Italia pesa 60 miliardi, esattamente la metà di quanto costi in tutti i 28 paesi dell’Unione presi complessivamente (120 miliardi).

Quattro imprese su venti falliscono per i mancati pagamenti della Pubblica Amministrazione. Dopo averci dato, per pura cortesia diplomatica, un contentino affermando che qualche piccolo miglioramento lo abbiamo fatto, Bruxelles avanza denuncie pesantissime forse mai formulate in termini cosi’ duri nei confronti di uno Stato membro dell’Unione: «Troppi i conflitti d’interesse, leggi ‘ad personam’ e giustizia lenta. Oltre 30 componenti del passato Parlamento sono stati o sono indagati per corruzione o finanziamento illecito ai partiti». Che anche Bruxelles sia in mano ai grillini? Da un altro sondaggio, sempre europeo, risulta che il 97% degli italiani pensa che «la corruzione sia dilagante» nel nostro Paese. E qui sta il nocciolo della questione. Il problema non è Grillo, non sono le volgarità da blog.

Il problema è il crescente e ‘dilagante’ disprezzo (al 25% conquistato dai grillini alle ultime politiche va aggiunto il fenomeno, ancor più significativo anche se senza voce, dell’astensione che è vicina al 50%) per una classe politica e dirigente che non solo non ha arginato la corruzione ma ne è la principale protagonista, con inevitabili ricadute su una parte (non tutta) della popolazione. Il fatto è che i partiti, per quante ‘facce nuove’ cerchino di presentare, non sono in grado di riformare se stessi e di ricondursi nel ruolo, limitato, che la Costituzione assegna loro (art.49). Perchè la crisi non è di uomini ma di sistema, un sistema di malgoverno, di corruzione, di ruberie, di occupazione arbitraria di ogni spazio di libertà che affonda le sue radici in almeno trent’anni della nostra storia. Ecco perchè ogni contestazione assume le forme della lotta e della violenza ‘antisistema’. Violenza che per ora è solo verbale, ma che se la crisi economica si accentua ancora un po’ potrebbe sfociare in una violenza fisica di massa.

fonte: ariannaeditrice.it

TOLFA – Consiglio comunale dei ragazzi – Un altro abbaglio del progressismo democratico

Siamo venuti a conoscenza della recente iniziativa del sindaco di Tolfa, Luigi Landi, di coinvolgere i giovani delle scuole primarie e medie della città in un “progetto” che vede la creazione di un “consiglio comunale dei ragazzi”.
Negli articoli della stampa locale, il nuovo “consiglio” è presentato con grande sfarzo come “un organismo che intende favorire la crescita socio culturale dei giovani” e per “la partecipazione alla vita associativa”. Dato il crescente astensionismo e la delusione verso una politica ormai lontana anni luce, dalle esigenze reali del popolo, priva di ogni visione a lungo termine fondata su dei principi saldi, non trattabili, tale tentativo di coinvolgere i ragazzi ci sembra tanto indirizzato principalmente a educarli a votare. Insomma, a Tolfa ormai la politica gioca d’anticipo con le nuove generazioni. Infatti, già è stato eletto un sindaco “junior” insieme, per l’appunto, al consiglio composto interamente da ragazzi.sindaci-tolfa
Premesso che l’iniziativa potrebbe anche svolgere una funzione educativa nei giovani per l’impegno verso la cosa pubblica – fin quanto li strappa dalla playstation e li spinge a confrontarsi e mettersi in gioco, il progetto, tutto sommato, potrebbe anche essere considerato in maniera positiva.
L’aspetto perverso, invece, che ci sentiamo di notare e che rischia di trasformarsi in un cattivo esempio verso gli stessi ragazzi, è il messaggio complessivo dell’evento.
Parafrasando Evola si potrebbe scrivere che quegli adulti, che si illudono di migliorare la condizione umana all’interno della propria comunità attraverso ricette puramente politiche e con il voto “non hanno ancora imparato nulla, dalle lezioni del recente passato.” Se ne avessimo la possibilità ci sentiremmo di mettere in guardia quei ragazzi contro il falso “realismo politico, che pensa solo in termini di programmi, di problemi organizzatori partitici, di ricette sociali ed economiche. Tutto ciò, infatti, appartiene al contingente non all’essenziale.” Gli adulti educano a votare perché amano le piccolo-principe_0numeri, i calcoli. Per citare il Piccolo Principe: “quando voi dite ai grandi di aver visto una bella casa in mattoni rosa, con dei gerani alle finestre, e dei colombi sul tetto, loro non arrivano a immaginarsela. Dovete dire loro: ho visto una casa da centomila lire, e allora esclamano, com’è bella!”
E’ un errore pensare che migliorando la società e l’ambiente si migliora l’uomo, in quanto è vero il contrario: la società e l’ambiente sono devastati perché è devastato innanzitutto l’uomo.
Quindi, ragazzi, concentratevi sul miglioramento di voi stessi e non vi lasciate sedurre dalle lusinghe democratiche.