Programma per l’amministrazione del Comune di Santa Marinella – 2013 Per una Terra Libera: agricoltura ed enogastronomia

L’agricoltura in un mondo meccanizzato, industrializzato e artificiale potrà risultare una soluzione importante nell’ambito di una crisi economica sempre più nera. Fondamentale quindi valorizzare la terra e promuovere i genuini prodotti enogastronomici che le peculiarità territoriali di Santa Marinella offrono.

AGRICOLTURA ED ENOGASTRONOMIA

Il territorio di Santa Marinella ha nell’agricoltura e nell’allevamento buone risorse e il nostro obiettivo primario è ridare dignità, centralità e sicurezza economica al mondo dell’agricoltura, un settore che deve essere improntato all’eccellenza. E’ necessario quindi riconoscere particolare interesse al mondo rurale, in quanto essenziale, per garantire la reale indipendenza alimentare locale ed, al contempo, necessario per mantenere un’armonica salvaguardia del territorio dalla cementificazione. Siamo quindi a favore di tutte le iniziative tese all’esproprio delle terre incolte per dolo o disinteresse dei proprietari ed, al contempo, a favorire con adeguate politiche di sostegno la gestione sociale delle imprese agricole in difficoltà. Le terre espropriate verranno assegnate ad aziende cooperative o neo-socializzate con il fine primario di combattere la disoccupazione in continuo aumento, innescare opportunità di sviluppo indotto e, contemporaneamente, per garantire alla Comunità locale un contributo significativo alimentare.

Chiediamo pertanto l’annullamento dei contributi comunitari verso le aziende (che non siano a conduzione agricola) e verso i possessori di latifondi (in quanto non riconoscibili come produttori diretti, ma emissari di speculazione agricola), nell’attesa del totale appoderamento del latifondo e dell’esproprio delle aziende mal gestite e fittizie, di cui deve farsi promotore direttamente il Comune.

Verranno immediatamente revocati i contributi comunitari, che paradossalmente si rivelano dei veri e propri inviti a non coltivare, andando a incrementare direttamente ed economicamente il possessore di terre incolte (per lo più grandi proprietari terrieri), senza premiare, invece, chi tende a mantenere viva la coltivazione del terreno.

Verrà incrementato e premiato l’evolversi dell’agricoltura a coltivazione biologica attraverso interventi atti a differenziare l’accesso alla distribuzione ed alla vendita del prodotto finale.

La collocazione geografica, l’esposizione di Santa Marinella e la composizione del terreno locale consente lo sfruttamento del territorio pianeggiante e collinare. Sostegno per il ripopolamento delle zone collinari ed il loro mantenimento al fine di salvaguardare l’assetto idrogeologico. Laddove quest’ultimo, dalle evidenze degli studi, risulti già pregiudicato, istituzione  di tutte le procedure d’urgenza per il suo riassetto.

 
Promozione per l’Istituzione di un gruppo d’acquisto solidale (GAS) a livello comunale tra la cittadinanza, sostenuto da un apposito rappresentante della Giunta e da un software gestionale adeguato, promuovendo così la qualità dei prodotti, l’aderenza alla terra, lo sviluppo dell’economia locale e la salvaguardia dell’ambiente e delle tradizioni agricole santamarinellesi.

Vogliamo che l’affiancamento dell’iniziativa agrituristica all’azienda agricola in materia di sostegno alla stessa sia riconosciuto solo e soltanto a reali coltivatori diretti-agricoltori, evitando l’ennesima speculazione economica da parte di investitori, interessati soltanto a lucrare su un settore non di loro competenza.

Sostegno alla  creazione di Orti civici (partecipati), concedendo tramite graduatorie con preferenza familiare appezzamenti di territorio pubblico inutilizzato (vedi proprietà ex gepra) da un quarto d’ettaro, per coltivare prodotti orticoli ad uso alimentare privato.

Promozione di una agenzia per l’agricoltura, l’allevamento e l’enogastronomia del territorio, composta da rappresentanti delle categorie produttive e da coordinatori amministrativi, oltreché di direttori generali, gli stipendi dei quali dovranno essere collegati ai risultati ottenuti. L’agenzia promuoverà a tutti i livelli i prodotti locali e la creazione di un marchio di qualità, che contraddistingua la produzione locale. Sostegno alla esportazione dei prodotti locali in tutto il mondo. Redazione e partecipazione all’agenda delle Fiere internazionali del settore. Essa potrà inoltre promuovere serate di degustazione, attraverso le quali far conoscere i prodotti della terra, biologici, con i loro produttori e coinvolgere la cittadinanza nella cultura dell’acquisto solidale e della gastronomica locale. Tramite accordi con i ristoratori, supermercati e i produttori intendiamo incentivare il consumo di prodotti ortofrutticoli ed enogastronomici locali attraverso la creazione della filiera corta sul territorio comunale, limitando e progressivamente eliminando la presenza di terzi speculatori intermediari, facilitando quindi il maggior reddito nei confronti del produttore e un risparmio del consumatore finale.

Rilancio delle sagre locali, attribuendogli un respiro regionale ed europeo e far diventare le feste locali un polo attrattivo turistico e di sponsorizzazione dei prodotti locali.  Potenziare gli uffici dell’amministrazione comunale, in particolar modo per quel che riguarda i settori del turismo, dell’agricoltura, della cultura e del marketing territoriale, con stagisti delle scuole superiori con esperienze lavorative formative per i neo-diplomati del territo­rio.

Creare una banca dati aggiornata al 2012 su tutte le attività del territorio, che sono coinvolte nello sviluppo turistico esteso.