L’ ULTIMA LETTERA DI FRANCO ASCHIERI ALLA MAMMA | Raggruppamento RSI Lazio: nel suo nome … 

img_2808

Riportiamo le parole di Franco Aschieri, lo straordinario combattente della Decima MAS a cui il Raggruppamento RSI Lazio è dedicato. Le sue ultime parole, il suo sacrificio, sia di monito per coloro che, ancora oggi, sotto la calda ala del sistema democratico liberal-capitalista godono dei vantaggi del potere e sottovoce si vanno spacciando per fascisti. 

 “Chi non è con noi è contro di noi.” Benito Mussolini

Dal discorso pronunciato al Costanzi di Roma, il 24 Marzo 1924

———————————————–

Franco Aschieri, N.P. del Battaglione Vega della Decima MAS, fucilato a soli 17 anni. 
«Cara mamma, con l’animo pienamente sereno mi preparo a lasciare questa vita che per me è stata così breve e nello stesso tempo così piena e densa di esperienze e sensazioni. 

In questi ultimi momenti l’unico dolore per me è costituito dal pensiero di coloro che lascio e delle cose che non ho potuto portare a compimento. Ti prego, mamma, fai che il mio distacco da questa vita non sia accompagnato da lagrime, ma sia allietato dalla gioia serena di quegli animi eletti che sono consapevoli del significato di questo trapasso. Ieri, dopo che mi è stata comunicata la notizia, mi sono disteso sul letto ed ho provato una sensazione che avevo già conosciuta da bambino: ho sentito cioè che il mio spirito si riempiva di forza e si estendeva fino a divenire immenso, come se volesse liberarsi dai vincoli della carne per riconquistare la libertà. 

Non ho alcun risentimento contro coloro che stanno per uccidermi perché so che non sono che degli strumenti scelti da Dio, che ha giudicato sufficiente il ciclo spirituale da me trascorso in questa vita presente. Sappi mamma che non resti sola, perchè io resterò vicino a te per sostenerti ed aiutarti finché non verrai a raggiungermi; perché sono certo che i nostri spiriti continueranno insieme il loro cammino di redenzione, dato che il legame che ci univa su questa terra, più di quello che esiste tra madre e figlio, è stato quello che unisce due spiriti affini e giunti allo stesso grado di evoluzione. 

Sono certo che accoglierai la notizia con coraggio e voglio che tu sappia che in momenti difficili io ti aiuterò come tu hai aiutato me durante questa vita. In questo momento sono lì da te e ti bacio per l’ultima volta, e con te papà e tutti gli altri cari che lascio. 

Cara mamma termino la lettera perché il tempo dei condannati a morte è contato fino al secondo. Sono contento della morte che mi è destinata perché è una delle più belle, essendo legata ad un sacro ideale. 

Io cado ucciso in questa immensa battaglia per la salvezza dello spirito e della civiltà, ma so che altri continueranno la lotta per la vittoria che la Giustizia non può che assegnare a noi. Viva il Fascismo. Viva l’Europa. 

Franco».
———————————————

“O Fascismo o antifascismo.” Benito Mussolini

Dal discorso pronunciato al Costanzi di Rema, il 24 Marzo 1924