Il Segreto di Italia | Finalmente in DVD, il film sulla strage di Codevigo che non piace ai gran sacerdoti della verità storica

 Puoi richiederlo tramite mail a [email protected]

 
“Il Segreto di Italia”, film di Antonello Belluco sulla strage di Codevigo, di cui abbiamo spesso parlato, non solo è stato osteggiato in ogni modo in fase di produzione ma, com’era facilmente prevedibile, dopo la sua uscita nelle sale è stato e continua ad essere oggetto di indecenti e sistematici boicottaggi da parte della solita perversa “intellighenzia” di sinistra con l’immancabile cricca partigiana al seguito. Censure, ostacoli, recensioni volutamente negative da parte dei giornali e delle riviste allineate (Repubblica, L’Espresso, con tanto di decine di commenti on-line inqualificabili per cattiveria e inciviltà da parte dei cosiddetti “lettori”, ecc.), interventi a gamba tesa dell’anpi con comunicati di fuoco alle redazioni dei giornali per chiedere di censurare ogni notizia sul film, con conseguenti “dimenticanze” nelle pagine di vari quotidiani.

E così a Roma, ad esempio, il film è uscito dalla programmazione, nel mese di novembre, dopo soli 5 giorni di stentata sopravvivenza soltanto al Cinema Fiamma; nel resto d’Italia si è riusciti a far uscire pellicola in pochissime città e, allo stesso modo, per poco tempo; solo al The Space Cinema di Limena di Padova il film è “orgogliosamente” rimasto in programmazione per tre settimane, fino allo scorso 10 dicembre, riscuotendo un grande successo, con sale sempre piene e pubblico affluito da diverse città, lontane talvolta anche centinaia di chilometri.

Belluco e la casa di produzione Eriadorfilm sono riusciti ad ottenere una programmazione a Verona (Cinema Teatro Alcione) il 12 e 13 dicembre, a Venezia (Cinema Astra) il 15 dicembre, mentre a Cesena (Multisala Aladdin) il film sarà proiettato dal 20 gennaio 2015.

Questa tristissima vicenda è dunque un’altra “perla” dell’italietta (con la “i” volutamente minuscola) della “libertà” e della “democrazia” a senso unico, quella dei leccapiedi e degli ipocriti, dei cialtroni, dei vili e dei menzogneri di professione. Ma Antonello Belluco (che ha annunciato la prossima lavorazione di un film su Norma Cossetto) non si arrende: ancora onore a lui ed alla Eriadorfilm per il coraggio e la voglia di continuare a lottare.

di Annamaria Gravino

(secoloditalia.it) – Non esagera il regista Antonello Belluco quando dice che «su facebook ricevo migliaia di commenti di apprezzamento». La sua pagina e quella dedicata al film sono, di fatto, il primo motore di promozione de Il Segreto di Italia, la pellicola sulla strage partigiana di Codevigo, nel padovano, che lui ha voluto realizzare nonostante il boicottaggio registrato fin dalla stesura della sceneggiatura e passato attraverso la grancassa dell’Anpi. Ci sono i post «commossi» di cui parla lui, ci sono quelli di incoraggiamento, c’è anche chi pubblica la foto del biglietto. Quasi una rarità, perché l’ultimo ostacolo che si frappone fra il pubblico e la storia di Italia, interpretata da Romina Power, è proprio quello della distribuzione. Un paradosso, visto che il film dove è in cartellone va più che bene. «Al The Space di Padova – spiega Belluco – il film era programmato per due settimane, invece è andato così bene che stato prorogato anche per la terza. Un fatto praticamente inedito sotto Natale».

Perché allora Il Segreto di Italia non trova distribuzione?

Perché funziona così: la prima settimana in sala si paga e noi non abbiamo questi mezzi. Ci hanno tagliato le gambe da tutte le parti, ma andiamo avanti. Iniziamo ad avere richieste da diverse città, ci chiamano direttamente gli esercenti: il loro pubblico chiede di vederlo e loro ci contattano. Stasera faccio una prima a Verona, poi in programma abbiamo Asti e Cesena. Poi spero che vada a buon fine un contatto che ho avuto con La Russa e Meloni per un intervento della Fondazione Alleanza Nazionale.

Di cosa si tratta?

Di un impegno per una distribuzione un po’ più strutturata nel corso della settimana del Giorno del Ricordo. Per me sarebbe particolarmente significativo: io sono figlio di esuli. So che domenica presenteranno il trailer. La Fondazione diede anche un piccolo contributo per la produzione, sarebbe un modo anche per dare seguito a quel sostegno.

Quindi, la sua ostinazione nel voler realizzare a ogni costo la pellicola sta avendo ragione.

Sì, da parte di chi ha visto il film ricevo commenti positivi, senza distinzione di provenienza sociale, culturale, politica. Il problema è allargare la platea degli spettatori. Non possiamo permetterci di proiettare il film una tantum, abbiamo bisogno che sia in sala almeno un fine settimana.

Oggi quale pensa che sia il primo problema da affrontare?

La comunicazione. In molti non sanno nemmeno che questo film esiste, bisogna aver visto Vespa o letto qualche articolo uscito sui giornali nazionali per conoscerlo. Il successo di Padova, dove sono sui giornali più di Bitonci, e le richieste del pubblico dimostrano questo. Se in tutta Italia fosse come a Padova, altro che costi di produzione e distribuzione. Saremmo record d’incassi. Poi bisogna far capire che questo è un film che tratta una tematica delicata, ma è anche un lavoro.

Le chiedono di vederlo gratis?

Talvolta. Questo film è certamente espressione del mio modo di pensare la vita, in termini cristiani, culturali, politici, ma è anche il mio mestiere. Ed è il frutto del lavoro di tutti quelli che ci hanno lavorato, a dispetto di tutto. Ha comportato un grande sforzo e grandi sacrifici. Non è solo testimonianza politica. E penso che sarebbe svilente svenderlo. Anche alcuni amici me lo hanno detto: “Non farlo”.

————————————————————

Per Natale, una azione che vale il doppio

Regalare a te o ad un tuo amico, un film coraggioso dove si affronta un pezzo di storia italiana rimossa e dall’altra dare un sostegno al nostro centro studi.