Freud: la sovversione psicanalitica

di G. Fergola, a cura della comunità militante Raido
 
Questo fascicolo ha lo scopo di analizzare in modo critico le principali tesi del padre della psicanalisi: Freud.
La pubblicazione di questo scritto, deriva dalla triste constatazione che. ormai l’analisi psicanalista, fuggendo dal suo eventuale e più ristretto ruolo di cura per le turbe mentali, è diventata una disciplina “necessaria ” e “valida ” per capire l’essenza umana. La letteratura, il cinema, la sessuologia, lo sport, sono solo una parte della più vasta contaminazione operata dall’infezione psicanalista. Psicologi, sociologi, criminologi e perfino i politici si affannano nel dare una spiegazione “cervellotica” al verificarsi di qualsiasi evento.
Ma su quali principi si basa la psicoanalisi? L’elemento caratteristico è che nell’uomo tutto è mosso dai vari bassifondi del proprio essere, come complessi, impulsi irrazionali, libido, istinti animali, tutti insieme in quel calderone chiamato “súbconscio “. Quest’ultimo è il “vero ” motore umano, o meglio di un uomo inesorabilmente aperto verso il basso, privo di qualsiasi possibilità superiore. Lo Spirito è sconosciuto e viene scambiato con un astratto e repressivo intelletto; l’uomo risulta così ignaro della presenza di un Centro spirituale sovrano. II superiore è dedotto dall’inferiore e quest’ultimo si ribella al primo in perfetto stile moderno. Privo della sua forza primordiale, l’uomo è in preda ai suoi complessi di inferiorità ed ai suoi isterismi. E un individuo complessato, ossessionato, fragile, che autodefinendosi non all’altezza di determinati compiti rifugge dall’azione, utilizzando se stesso come alibi, la sua debolezza come scappatoia. Questo è l’uomo di Freud, di Jung (anche quest’ultimo, come vedremo, poco si discosta dal suo maestro) e dei vari “dottori ” psicanalisti, ma questo è anche l’uomo del mondo moderno. Un essere debole e malaticcio, figlio legittimo di un’età degradata.
Julius Evola in risposta a questi “dottori” propose una simpatica e sicuramente efficace soluzione: “Invece di tributare ogni rispetto agli psicanalisti, in loro si dovrebbero vedere delle persone bisognose esse stesse di un trattamento, per essere affette da una vera, più o meno acuta paranoia, la quale renderebbe assai più opportuno il loro isolamento “. A questo pensiero di Evola non possiamo che associarci.

RAIDO