La fermezza e le lusinghe vestite di serietà

Solo risalendo ai significati e alle visioni che vissero prima dello stabilirsi delle cause della civilizzazione presente è possibile avere un punto assoluto di riferimento, chiave per la comprensione effettiva di tutte le deviazioni moderne – trovare in pari tempo l’argine saldo, la resistenza infrangibile di coloro ai quali, malgrado tutto, sarà dato conservare e trasmettere la “tradizione”. Ed oggi conta – appunto e soltanto – il lavoro di chi sa tenersi su le linee di vetta: fermo nei principi; inaccessibile a qualsivoglia concessione; indifferente dinanzi alle febbri, alle convulsioni, alle superstizioni e alle prostituzioni al cui ritmo danzano le generazioni ultime. Conta solo il silenzioso “tener fermo” di pochi, la cui presenza impassibile serva a creare nuovi rapporti, nuove distanze, nuovi valori. (Julius Evola)