Dalla lotteria degli scontrini, alla società senza contanti, passando per l’operazione Cashback di Natale | La truffa dei servi dello sterco del demonio elettronico

Con l’operazione cashback di Natale, il governo ha messo in moto una delle più grandi trasformazioni in ambito socio economico degli ultimi cinquant’anni. Con un solo colpo la banda di camerieri dei banchieri potrà: svalutare il contante rispetto al denaro elettronico del 10%, raccogliere i dati di milioni di cittadini che potranno essere incrociati tra loro, regalare milioni di euro in transazioni ai soliti gruppi bancari che gestiscono le transazioni finanziarie, disabituare e diseducare le giovani generazioni a misurare la propria capacità di spesa, tracciare i percorsi dei consumatori e registrare tutte le loro preferenze, per giungere alla profilazione completa dei cittadini, aggiornare i registratori di cassa con chi sa quali ulteriori intrusioni informatiche, imporre sostanzialmente una riduzione dei prezzi anche per chi paga in contanti per mantenere la clientela e molto … molto altro ancora di cui oggi, non si vedono che delle lontane propaggini. Solo due esempi: la possibilità di arrivare prima alla società senza contanti e di riflesso poter bloccare sostanzialmente le transazioni di un individuo, dalla sera alla mattina, con un click. A tutto questo noi cerchiamo di sfuggire teoricamente e praticamente.

Questo primo articolo, riguarderà un esempio teorico di cosa significa esattamente l’operazione cash back di Natale e la fantomatica lotteria degli scontrini. Il prossimo riguarderà l’operazione politica, mediatica e pratica per salvare commercianti e partite iva da questo meccanismo fagocitatore di risorse: IL BUONO SCONTO. Combattere l’evasione fiscale, è un’altra cosa! AURHELIO

CASHBACK: SAPEVATELO

Piccolo esempio di vita quotidiana per spiegare la grande truffa socio-economica

Supermercato: 

Signora sessantenne alla cassiera.

: voi non avete il programma cashback ?!

:  no signora per volontà della proprietà noi non l’abbiamo attivato

: è uno scandalo, non verrò più qui a fare la spesa!

Vedendo il trambusto mi avvicino con il Direttore. 

: signora buongiorno, sono il proprietario, posso aiutarla in qualche modo ?

: la vostra dipendente mi ha impedito di usare il cashback se lo sapevo non venivo neanche. 

: no signora, non dipende dalla cassiera, ma da me. Il criminale sono io. Sono io che ho rifiutato di installarlo. Ma non si preoccupi, le faccio io un buono spesa del 10% sulla sua spesa di oggi. 

La signora rimane interdetta

: ma perché non l’ha fatto installare ?!

Perché vede, cara signora, in Italia ci sono con certezza, almeno sette milioni di coglioni. E la cosa preoccupante è che il numero è destinato a salire…

Circa 7 milioni di italiani hanno scaricato, ad oggi, la app per partecipare al cashback degli scontrini con annessa Lotteria di Stato. 

Degli ignoranti, innanzitutto perché credono davvero che questa sia una alzata d’ingegno dei soliti politici mediocri per rilanciare i consumi. Invece serve a tutt’altro…

La signora è incuriosita e perplessa.

Vede, per tutti gli acquisti fatti con bancomat o carta di credito dall’8 al 31 dicembre vi valutano il 10% della spesa come cashback per un totale massimo di 150.00€ . Ve li riaccreditano a febbraio. Non sapete però, che il rimborso massimo è di 15.00€ a transazione. Che voi spendiate quindi 1500.00€ o 150.00€ il rimborso sarà sempre 15.00€. Che nel caso di 1500.00€ non è il 10%. Bensì l’1%. Gli acquisti on-line non valgono, alcune carte di credito non valgono e per accedere al programma dovrete fare minimo 10 acquisti. Il che si traduce che per ottenere i famosi 150.00€ massimi di bonifico, dovrete spendere 1500.00€ in dieci transazioni da 150.00€ l’una. Voglio proprio vedere sette milioni di italiani che spendono 1500.00€ in dieci operazioni per fare regali. Sapete come finirà? Che userete il cashback soprattutto nei supermercati come i miei, e lo dico contro i miei interessi, per fare la spesa. Ingrassando solo le casse delle banche, che per ogni transazione vi preleveranno minimo 2.00€ di commissioni, intascando 20.00€ ad italiano, e le casse dei grandi gruppi di distribuzione organizzata che fatturano diverse centinaia di milioni di euro ogni anno. Altro che negozi di prossimità…

La signora cerca una scappatoia…

: guardi io ero contraria poi mi ha convinto mio marito che è più tecnologico.

Non è finita cara signora: dal 1 gennaio a chi avrà fatto almeno 50 transazioni con bancomat riconosceranno un ulteriore 10%, per un massimo di 300.00€ (compresi i 150.00€ di dicembre). Con 50 transazioni bancomat avrete speso certamente 100.00€. Per farvene rimborsare 50.00 netti. Cioè una media di 0.1 centesimo di euro al giorno. Chi avrà ingrassato di più le banche potrà poi partecipare alla Lotteria degli Scontrini. Vincendo 1500€. 

E per finire signora non le dicono che per adeguare le casse al cashback il negozio deve sostenere una spesa non detraibile compresa tra i 100€ ed i 350€. E non solo: io negozio ricevo il pagamento dopo 7 giorni dalla transazione. In quei sette giorni le banche guadagnano con la valuta virtuale e gli interessi al capitale. 

signora

: ma allora mio marito si è lasciato infinocchiare… stasera quando torna a casa gli dico che è stato proprio un cretino! 

: signora non si preoccupi, lei prelevi al bancomat e paghi con i contanti. Poi mi mandi qua suo marito che facciamo un buono anche a lui!

: grazie molte per avermi spiegato tornerò sicuramente a fare la spesa usando il buono