Cosa c’entriamo noi con l’Oceano Indiano? | Una questione di sovranità, la riflessione di Gianluca Marletta

A boy walks by an oil pump at sunset Monday, Jan. 18, 2016, in the desert oil fields of Sakhir, Bahrain. Iran is aiming to increase its oil production by 500,000 barrels per day now that sanctions have been lifted under a landmark nuclear deal with world powers, a top official said. (ANSA/AP Photo/Hasan Jamali)

La notizia dell’ultim’ora ve lo spiega piuttosto bene: la premiata ditta USA-ArabiaSaudita-Israele sta lanciando l’ultimo assalto al “nemico” IRAN.

E’ infatti di queste ore la notizia della stretta finale sulle esportazioni di petrolio iraniano (la distruzione economica é l’ultima possibilità prima della guerra) imposta dagli Stati Uniti (atto di cui ci accorgeremo quando, a breve, i prezzi della benzina e quindi dei beni di prima necessità cominceranno a salire…).

L’Arabia Saudita vuole distruggere l’Iran per avere l’egemonia sul mondo islamico e imporre ovunque la sua setta “wahabita”.

Israele vuole distruggere l’Iran per le manie “messianiche” e per il sogno di creare la “grande Israele” (per il quale non ha esitato ad appoggiare i jihadisti in Siria ed Iraq).

Gli USA -già largamente colonizzati da lobby, interessi e soldi proveniente dalle altre due “entità”- vogliono distruggere l’Iran anche per infliggere uno “scacco matto” all’economia cinese (la Cina importa il 50% del suo farbisogno proprio dalla Persia).

Se questi paesi si faranno distruggere senza lamentarsi troppo, tutto filerà liscio: altrimenti si andrà alla guerra!

———————————————–

P.S.

E’ in questa prospettiva che va letta anche la destabilizzazione ed il ricatto verso i paesi dell’Oceano Indiano (SRI LANKA in primis, che aveva firmato un importante accordo con la Cina), che sono tappe della “via della seta marittima” che collega Estremo Oriente ed Europa passando dal Medio Oriente petrolifero.

E questo vi spiega anche molti episodi della cronaca delle ultime ore…

Gianluca Marletta

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2019/04/22/stretta-usa-su-iran-petrolio-ai-massimi_db48f9b5-7ad3-4654-a2a7-91cba6a64bcc.html