Civitavecchia – Comitato 14 Maggio | La memoria civitavecchiese, contraffatta e insultata

 

 Il Comitato 14 Maggio desidera attirare l’attenzione alle autorità locali sulla superficialità con cui ci si continua ad approssimare verso la memoria di Civitavecchia e, in particolare, verso la ferita infitta dagli 86 bombardamenti subiti durante Seconda Guerra Mondiale.

In proposito, il Comitato segnala lo stato di totale abbandono del cosiddetto “Luogo della Memoria” situato in via Trieste, un palazzo in rovine, con tanto di targa commemorativa del Comune, dove negli anni passati venivano organizzate le cerimonie ufficiali in occasione della drammatica data del 14 Maggio. Se da un parte le testimonianze storiche e fotografiche indicano che in realtà il “Luogo della Memoria” è un finto storico, poiché l’edificio in questione non fu colpito dalle bombe ma crollo molto più tardi (vedi foto), dall’altra ci rendiamo conto che se si ha la pretesa che il luogo in questione rappresenti quei tristi episodi della storia civitavecchiese esso deve ricevere l’attenzione che merita un monumento commemorativo del martirio di Civitavecchia. Invitiamo per tanto il Comune a prestare una maggiore attenzione e cura a tale sito. 

  
Non possiamo esimerci, inoltre, dal non segnalare la scelta infelice della frase riportata sulla targa commemorativa sopramenzionata. Si tratta, infatti, di una citazione sul “valore della pace” dell’uomo politico statunitense Benjamin Franklin. Trattandosi della memoria e dell’identità civitavecchiese, ci domandiamo, ma è possibile che non si è potuto ricorrere semplicemente all’esempio o al genio letterario di una personalità locale o del Bel Paese? È lecito che dopo che la Città ha subito i bombardamenti statunitensi, adesso, le future generazioni si debbano accollare anche la morale “pacifinta” dei carnefici?

Un’amara gaffe, che a nostro avviso, dimostra la distanza reale degli autori, che dietro il finto amore per Civitavecchia, in realtà si sono mossi solo per loschi interessi di passerella. 

Il Comitato 14 Maggio desidera attirare l’attenzione alle autorità locali sulla superficialità con cui ci si continua ad approssimare verso la memoria di Civitavecchia e, in particolare, verso la ferita infitta dagli 86 bombardamenti subiti durante Seconda Guerra Mondiale.

 Comitato 14 Maggio – Civitavecchia