Bombardamento di Civitavechia 1943 – 2015: Noi non dimentichiamo!

2015-05-14_01.36.21

In occasione della ricorrenza del 14 maggio, 72° anniversario del primo bombardamento della lunga serie di 52 attacchi totali ad opera degli aerei anglo-americani su Civitavecchia, Azione Punto Zero ha voluto ricordare questa importante data con una azione inedita. 
Attraverso l’affissione di sagome di bombe di carta riportanti la data del tragico evento del 14 maggio del 1943, insieme al nome e alla bandiera dei responsabili, abbiamo voluto portare all’attenzione della cittadinanza questa ricorrenza che troppe volte è stata oggetto di un intenzionale oblio volto persino ad omettere gli autori dell’attacco. Non ci si deve stupire pertanto se al giorno d’oggi alcuni nostri concittadini credono che siano stati i tedeschi a radere al suolo la città e, al tempo stesso, considerano un fatto normale erigere un monumento alle truppe americane. Vogliamo credere che le persone che si sono indignale per la rimozione della statua posizionata fino all’anno scorso alla marina e intitolata “il bacio del mare” o anche “la resa incondizionata”, ignorassero il reale valore simbolico che essa assume di fronte alle oltre mille vittime e alla distruzione quasi totale dell’architettura storica di Civitavecchia.
Non deve essere certo un caso, a nostro avviso, che mentre il monumento alle vittime del bombardamento, situato dietro la Cattedrale, è stato trasformato in un parcheggio e giace in una condizione di semi-abbandono, le autorità abbiano scelto negli anni scorsi come luogo della commemorazione le rovine a cielo aperto di un palazzo situato in via Trieste che peraltro, foto alla mano, non è neanche crollato sotto i bombardamenti ma più tardi. Amara e comica coincidenza che, dietro il falso amore per questa Città, mostra in realtà il vero volto di chi si muove solo per biechi interessi di passerella.
 
Azione Punto Zero