Testamento Spirituale di Rutilio Sermonti

Da Rutilio Sermonti.
Vi  Allego il testo del breve discorso da me rivolto a Colli il 18 agosto u.s.  ai camerati venuti da tutta Italia a festeggiare il mio 90° compleanno. Ognuno dei destinatari è autorizzato a farne l’uso che meglio creda
Enos, Lases, iuvate !
Rutilio

Camerati,
mi è difficile esprimere appieno la gioia che voi mi avete dato con la vostra iniziativa e con la vostra accoglienza . Non tanto solo per il novantesimo compleanno. In fondo io ho fatto un giorno. Domani è un giorno dopo ieri, non è un anno dopo.  E’ solo una convenzione.  Ma per il fatto che per farmi sentire, vedere, respirare il vostro affetto siete venuti da lontano,  lui addirittura dall’estero (addita Alberto Mariantoni), e tutto per un povero vecchio combattente, qui, che non ha fatto che il suo dovere è una cosa che veramente mi commuove. Però la mia gioia è soprattutto perché la vostra iniziativa mi permettere di esprimere occhi negli occhi alcuni concetti che penso che siano essenziali tanto che li potrei definire  il mio testamento spirituale. Mah! Testamento? Vedo qualcuno che accenna una protesta. Uno deve forse aspettare di essere rimbambito, per fare testamento, e spirituale per giunta ? che testamento sarebbe ? Di quale valore ? Spero proprio di fare a tempo a farlo in pieno possesso di tutte le mie facoltà.
  Si tratta di un discorso molto semplice, che io non ho fatto che ripetere continuamente, eppure, sembra incredibile,nonostante la grande attenzione di cui  tutti voi, delle più belle formazioni mi avete sempre onorato, nessuno l’ha preso sul serio.  C’è una differenza significativa tra quelli che a me sono più vicini e il sottoscritto E questa differenza  l’ha espressa in modo molto felice Nicola Cospito che nel fare una prefazione ad un mio libro scrisse: “Rutilio Sermonti è uno che nel 1940, diciannovenne, mise un fiore nel moschetto e partì per la guerra contro le grandi plutodemocrazie, non è ancora tornato.”.  Fu una definizione che piacque molto, perché io quella guerra mica l’ho finita. Io non ho chiesto la pace, non ho firmato  armistizi. La guerra continua e la Repubblica Sociale Italiana mica è stata  sciolta e  per me l’unica Repubblica che legittimamente esiste  è quella. Questa qui non mi interessa.  La repubblica dell’Alto Volta mi interressa di più di quella italiana di Napolitano & C.
Quindi la situazione è questa: io sono in guerra, da allora e lo sono sempre stato E l’unico merito che mi riconosco è di averlo fatto ininterrottamente senza titubanze, senza tante problematiche “ideologiche”,  facendo semplicemente il mio dovere come facevo da sergentino nel 1940. Ma qual è la conseguenza? Tutto quello che ho io ho fatto è stato senz’armi e purtroppo armi non ne posso usare più. Posso usare solo, come si diceva una volta  la penna, e adesso manco quella: il computer. Ma tutto quello che io ho fatto è stato lo stesso un atto di guerra. Qual’ è la caratteristica di un atto di guerra? Di non essere un’esibizione, un esercizio intellettuale No. È un’azione compiuta a un determinato scopo, in quanto utile per quello scopo e concatenata con una serie di altre azioni in modo organico. Un’azione una tantum non serve a un cavolo. Va fatto questo, in modo continuo e sistematico Ed io ho inteso fare proprio quello.  Voi che avete seguito i miei libri, i miei articoli avete visto. Io non ho fatto molti discorsi teorici, ho fatto discorsi pratici. Faccio delle proposte. Sì c’è stato il momento delle testimonianze, Il momento in cui era utile  mettere su carta, fissare certi ricordi, perché la gente non se li scordasse, perché i giovani a cui non si insegnavano più avessero la possibilitàdi possederli .. almeno in una piccola parte … ma questa è stata una prima fase che è durata poco. Poi abbiamo cominciato a combattere. Ora, purtroppo, fin da allora ci sono stati alcuni equivoci e devo dire che siamo colpevoli tutti. Questi equivoci si chiamano soprattutto Emme Esse I. E recano soprattutto la firma del mio amico ( per me era un amico gli volevo pure bene, che quando è morto ci ho pure pianto): Giorgio Almirante. Quanto ci ho litigato con Giorgio Almirante! Quanto l’ho insultato perché non  capiva certe cose. Noi non potevamo fare un partito come gli altri. Non l’ha capito, non hanno capito. Se c’è una cosa cretina era pensare che si potesse fare una guerra contro il sistema con un partito strutturato e organizzato come lo vuole il sistema Ma siamo proprio matti? Quindi quello che era necessario che ci voleva: Un piano riservato che fosse ben più chiaro e solido dell’ufficialità del partito Guardare con sufficienza le solite scempiaggini: le elezioni. Ma poi ci  fosse un effettivo  comando E invece non c’è stato mai. 
E allora che cosa è successo? È successo che noi abbiamo fatto colte, acute analisi, nutrite discussioni. Ci sono stati dei camerati veramente di notevolissima levatura intellettuale e culturale che hanno chiarito un sacco di punti. Perchè quello è una battaglia secondaria? Perchè nessuno si è posto la domanda “Che cosa possiamo faro oggi? Con i mezzi di oggi, nella situazione di oggi? Ma che abbia lo stesso scopo di quello che facevamo con le Parzer divisionen ? Era lo stesso, identico. Erano cambiati i mezzi, purtroppo perché era cambiata la situazione. Se voi ve lo ricordate uno dei principali insegnamenti del Duce era di fare sempre i conti con la mutevole e complessa realtà. È inutile stare a nuotare tra le nuvolette della ideologia.
Noi dobbiamo sbattere il grugno con la realtà e sbattendo questo grugno l’Italia diventò in dieci anni dall’ultima ruota del carro, la mandolinista, quella che non contava niente, la prima nazione del mondo. Perché, cocchi miei, io c’ero e me lo ricordo nel 1938 l’Italia era la prima nazione del mondo a cui tutte le altre guardavano con invidia Pensate con invidia. “Beati voi che tenete Mussolini !” Io mi ricordo una famosa attrice americana, Mary Pickford che diceva: “A me sono molto simpatici gli italiani, però sono stati tanto carogne perché hanno fatto un Mussolini solo Ne dovevano fare due, uno se lo tenevano, e l’altro potevano prestarlo a qualcuno che ne aveva tanto bisogno !”.
Allora siamo andati avanti così, col pensiero e l’azione appaiati. Ma qual è la situazione attuale di cui vi volevo parlare con un po’ di tristezza. Mi sono domandato “Ma tutto questo mio combattere a che cosa è servito?”
Il primo passo fu nel 2005, quando io mi posi questa domanda “Noi siamo l’alternativa al sistema. L’ha detto Michelini, l’ha detto Almirante.. lo dice ogni volta … Ma sul vocabolario “alternativa” vuol dire: no a questo e sì a quell’altro. Se no non è alternativa, Se no è solo una critica, una demolizione. E’ chiaro che se io voglio fare la casa nuova dove ce n’è una fatiscente la devo demolire prima di fare quella nuova. Ma quando la demolirò, ho appena cominciato. Sicuro devo fare la casa. Se invece la lascio lì e contemplo le macerie, sono un minchione che non giova a nulla..
E allora noi dobbiamo cominciare a costruire, cioè a spiegare alla gente in che consiste l’alternativa, ma deve essere l’alternativa 2000 e non l’alternativa 1930, perché è cambiata la mutevole e complessa realtà. Io che era già uomo allora mi accorgo delle differenze enormi in tutto non solo nella politica, nell’amore. Quando avevo diciotto anni e facevamo l’amore, facevamo cose completamente diverse da quelle che fanno oggi, quando fanno l’amore. Avevamo tutta un’altra concezione. Allora c’era la mania della vergine. Una ragazza doveva arrivare vergine al matrimonio … Guai se non era vergine! Oggi stiamo freschi! Non si sposerebbe più nessuno. E così via. C’era tutto un modo di ragionare diverso: rapporti familiari, rapporti con la madre e col padre. Per non parlare poi del lavoro. Il lavoro allora era ancora  il protagonista dell’economia, oggi non lo è più. È inutile che stiamo a fare retorica: oggi l’economia la fanno le macchine quindi i soldi non il lavoro! Il lavoro accudisce le macchine ed è una cosa noiosa, senza arte, umiliante, scocciante e non si vede l’ora che finisca per andare in pensione. Questo è il lavoro. … il funzionamento è cambiato.
Allora io ho scritto un libro che si chiama Stato Organico in cui dicevo: “Ecco lo Stato che noi oggi possiamo progettare!”. E ho invitato più volte anche nel corso del libro a correggermi, a dare suggerimenti migliori, a discutere questo argomento che per noi doveva essere essenziale. Perché la nostra attività è creativa non puramente distruttiva. Possi cecamme se c’è stato uno che mi ha risposto! Che mi ha fatto una critica. Mi hanno detto: “Bravo!”.
E che ci faccio io con il bravo? Mica faccio l’attore d’avanspettacolo! Se non mi seguite! Io vi do un suggerimento e non lo seguite … Non mi dite: “Bravo!”, ditemi “Bischero!” e seguitemi! Ah! Come sarebbe bello!
Il mio Stato Organico è rimasto così com’era. Nessuno (e guardate che camerati bravi, intelligenti, preparati, colti ce ne sono molti di cui ho grandissima stima) vi ha minimamente posto mano.Di di quello non si occupa nessuno. Come si può ottenere oggi una rappresentanza che non sia la solita fregatura per i rappresentati? È inutile che tirate fuori la socializzazione degli anni Quaranta, perché sono passati settanta anni! Dobbiamo fare una cosa in funzione di oggi. Niente. E questo vuol dire che tutta questa modesta fatica che ho fatto con lo Stato Organico a questo momento non è servito a niente.
Andiamo avanti. Noi continuiamo la guerra e dobbiamo porci i mezzi con cui fare questa guerra: carri armati non ne abbiamo, testate nucleari non nè abbiamo. Come la facciamo la guerra? Che cosa abbiamo noi? Ecco che cosa abbiamo! La militanza e ne abbiamo tanta! In Italia, e io l’ho girata molto, c’è una quantità di militanza. Però tutti a gruppetti separati che non si guardano e  magari polemizzano  l’uno con l’altro. Però ce ne è una grande quantità e sono pieni di voglia di fare, di voglia di combattere. Qualche volta vedo i loro occhi lucidi di lacrime, quando parlo io, perché veramente lo sentono.
Però questa militanza bisogna renderla a livello di saper competere.  Cioè, primo: disciplina! Credere, obbedire e combattere diceva Mussolini. Non diceva credere, obbedire e discettare! Ebbene quelli discettono. Bisogna abituarsi ad obbedire quando uno è soldatino. Poi quando diventa sergente ci saranno quelli a cui comanda e quelli a cui obbedisce. Quando sarà capo di Stato Maggiore Generale allora comanda solo. Così deve essere e invece no! 
Altra cosa. I militanti dicono un sacco di corbellerie perché hanno la trista abitudine, molti, di parlare per sentito dire. Se voi sentite la cosa più popolare nel nostro ambiente ( che siamo tutti socialisti), è la socializzazione. Ma io mi domando una cosa: quanti che  discutono di socializzazione hanno letto (e dico solo letto)il decreto istitutivodel Duce del febbraio 44 ? Quanti hanno letto (e non dico meditato)quell’insigne monumento di scienza giuridica e di saggezza, che furono le norme d’attuazione dell’ottobre, fatto poi in quelle situazioni con le bombe che ti cadono addosso, con  i partigiani che ti sparano alle spalle. Eppure fu fatto quel capolavoro, ma chi lo ha letto? Non si preoccupano  per discutere di qualcosa prima, almeno,  di conoscerla.. E invece bisogna prima conoscere e poi discutere.  Questo bisogna insegnare, come prima cosa, ai militanti. Ed è un problema. E come si fa ad insegnarglielo? Non abbiamo un un’unica organizzazione, non abbiamo un’unica Opera Balilla. Come si fa?
Mi sono posto il problema. Abbiamo fatto un programma apposta. Abbiamo fatto un Patto di Unità d’Azione. Adesso siamo cinque, prima eravamo in due: Forza Nuova e Movimento Nazional Popolare. E questo patto era su alcuni punti: “Siamo d’accordo che si devono fare queste azioni? E allora tutti quelli che sono d’accordo, lavoriamo! L’unità nascerà dal lavoro comune e non il lavoro comune dall’unità. Questa è sempre stata la mia convinzione. E allora abbiamo fatto un bellissimo programma: corsi in tutta Italia con le dispense per ogni lezione. Queste dispense consentivano di fare contemporaneamente il corso in tutti i gruppi senza nessuna differenza nè concorrenza tra i gruppi stessi. Il corso era utile a tutti, aperti a tutti e unitario perché ci sono le dispense. Queste dispense dovevano essere fatte in un certo modo. Tutto questo è stato studiato e che cosa è stato fatto? Niente! Neanche una lezione. Di dispense io ne ho fatte e ne ho curate cinque, con cinque dispense si potevano fare duemila lezioni in tutta Italia. Quante ne sono state fatte? Duecento? Venti? No! Due forse sperimentali, perché c’ero io a Roma. E poi? Anche questi erano interrogativi. Ma che viziaccio maledetto è questo! Questo è un modo di combattere? Fare dei programmi per poi scordarsene?
E poi andare in giro con gli striscione nelle strade! Non serve a niente! Ci devi portare mezzo milione di persone in strada allora serve a qualcosa. Ma se ci porti cinquanta persone in strada non serve a niente. E allora ?
Vorrei che voi capiste la mia angoscia quando mi viene il dubbio di aver girato a vuoto.
Le corporazioni come opzioni di lotta non è un’idea mia. È un’idea che ho preso da una piccola pubblicazione Il Megafono. È un’idea geniale. Come si difende il piccolo commercio, l’artigianato, le piccole attività basate sul lavoro dell’uomo da queste grandi organizzazioni economiche multinazionali che le soffocano? Come si difendono? La corporazione! La corporazione come si intendeva nel Rinascimento Facevo degli esempi. I piccoli meccanici sono disperati. Questi cornuti che fabbricano automobili non fanno più pezzi di ricambio. Se devi cambiare una vite devi cambiare mezza macchina. Ai piccoli meccanici ( e ce ne sono a migliaia) doobiamo suggerire, “Fate le corporazioni! Unitevi in una corporazione! Portate tutti lo stesso distintivo. E questa corporazione per mandato degli associati tratta con le grosse organizzazioni produttive e detta legge perché se tutti i meccanici d’Italia che hanno anche rapporti di amicizia con la clientela, cominciano a chiedere prodotti con i pezzi di ricambio economici altrimenti consigliano ai loro clienti di rivolgersi ai produttori che lo fanno, diventano loro i più forti. Noi possiamo prenderli per il collo e voi sapete l’importanza enorme, l’incidenza che avevano le corporazioni nel Medioevo e nel Rinascimento, perché la funzione della corporazione era anche tutelare i valori extra economici che c’erano in quella attività. Erano quasi degli ordini religiosi e non vi si ammetteva lotta di classe, proibitissimo fare sindacati. Ci sono solo categorie gerarchicamente organizzate e il piccolo allievo di oggi diventerà il maestro di domani. Così era fatta l’organizzazione del lavoro nel Rinascimento e così erano fatte le corporazioni. Ora noi guardandoci in giro, e vediamo come i coltivatori diretti cercano di difendersi dallo strangolamento: sono iniziative squisitamente corporative. Neanche lo sanno loro, gli vengono così spontaneamente.  E noi che ci stiamo a fare? Noi sappiamo tutto delle corporazioni, dobbiamo metterle in funzione, dobbiamo essere noi ad impugnare questo validissimo strumento della corporazione. Ma non fare noi le corporazioni. Le devono fare loro. Noi le possiamo suggerire, possiamo svolgere un’azione promozionale. Quale? Non può essere la stessa per tutte le corporazioni, ci sono diversissime mentalità, composizioni ed esigenze.  Allora nel mio libretto Le corporazioni come opzioni di lotta e non come fatto storico, come opzione attuale, ho esaminato i vari problemi, le varie corporazioni nuove che è necessario fare.
Una per esempio, importantissima oggi, la corporazione delle donne di casa. Fare la donna di casa oggi è molto difficile. Se noi diamo ad una donna, che non sia un’imbecille, i mezzi, le conoscenze, la formazione questa , a parte che diventa la padrona assoluta della casa, ma diventa un elemento di progresso della Nazione intera. Oggi quelle che erano le funzioni del maschio dell’antichità non ci sono più: la fatica fisica la fanno le macchine, azionate etettricamente; la guerra la fanno schiacciando un bottone e distruggendo una città a 6 000 km di distanza; la caccia una volta era una risorsa per vivere oggi è uno svago discutibile. Allora a che cosa serve l’uomo? Non serve più! Serve la donna. Prova della pazzia di quest’epoca è che vogliono fare delle donne che scimmiottano degli pseudouomini che non servono più.
Allora dobbiamo studiare corporazione per corporazione come incominciare, dove gli accenni già in atto delle organizzazioni a cui ci si può appoggiare, una per esempio la Coldiretti, che da che non è più uno strumento della Balena bianca, sta diventando una cosa estremamente interessante. Non so se avete seguito le varie iniziative le arance, il latte … hanno fatto una sacco di cosette carine proprio per liberarsi della schiavitù delle multinazionali. E allora lì dovremo fare in un modo di incidere al massimo.
Un’altra corporazione necessaria è gli uomini d’arme poliziotti, soldati …  Anche loro contribuiscono a mantenere l’ordine. Anche loro devono avere la loro corporazione, soprattutto nell’assenza dello Stato, come è oggi. Ma la corporazione degli uomini d’arme può assumere molte funzioni anche morali, anche normative che lo Stato rifiuta.
 Qualsiasi corporazione, io ne ho preso una quantità di esempi, esige sistemi diversi, diversi metodi di approccio con gli interessati,  io credo che occorra cominciare dalle più “facili” e dalle più sensibili. I successi delle prime incoraggeranno le altre 
Poi ho detto: “Su! Diamoci da fare! Suggerite! Correggete!” E poi  mettiamoci  al lavoro nel favorire la formazione di queste corporazioni. Dei cui benefici si accorgerebbero subito gli stessi interessati e quando uno cominciasse a funzionare bene, allora arriverebbero tutti: sembrerebbe l’uovo di Colombo.  Ma Noi? Noi non importa. Non importa che noi figuriamo, anzi non dobbiamo figurare! Corporazione vuol dire Fascismo! Non importa metterci il fascetto sopra. Vuol dire una vittoria raggiunta contro l’eterno nostro mondo avversario.
Un ultimo solo ed altro esempio: la teoria dell’evoluzione naturale. È come l’olocausto, uguale, però lì c’è la legge penale, qui no. Si sono messi la coda tra le gambe. Non si riesce ad organizzare un dibattito, mi ricordo quaranta anni fa, io sono stato un pioniere di questa lotta, contro questa cretinata. Anche lì siamo arrivati al punto che scientificamente parlando è morto, non c’è più l’evoluzionismo.  È la prova del fatto che non si riesce ad organizzare un dibattito. E se tu cerchi di organizzarne uno, con mille biforc, e trovi qualcuno per esempio un preside di facoltà  universitaria che ha concesso la sala, vengono fuori quelli dei centri sociali contro il clericalismo. ( Io sarei il clericale, ve lo figurate ?)! Perché è, gente che come al solito parla a vanvera. Non ne sa un cavolo.  Noi dobbiamo contrapporre un movimento studentesco. Ormai non serve più solo la scienza.  Mio fratello, professore di genetica, ha contribuito a mettere con il culo per terra l’evoluzionismo. Continuano a pubblicare quegli alberi genealogici minuziosi e ridicoli, con mille biforcazioni deserte di nomi e frutto di mera fantasia.
Però continua a funzionare con la fantasia con gli scritti di gente ignara sia di biologia che di probità, e gli scienziati che sono tutti gran furbotti glie li lasciano scrivere. Pensate che tutto il mondo liberista è fondato su questi concetti. Chi ha successo è il migliore, per il solo fatto che lo ha, magari ammazzando uno con una coltellata. Ammazzandolo e derubandolo però ha avuto un successo, ha in tasca i soldi di quello ed ha ragione. Questo è il ragionamento a cui porta la teoria dell’evoluzionismo, che non viene affatto confermata in natura in natura.  Ho scritto un libro apposta su questo argomento, di carattere divulgativo su questi concetti ma adesso che deve lavorare? Su questo argomento occorre organizzare un movimento studentesco, di devono rompere i vetri, fischiare i professori durante le lezioni, spernacchiare. Si deve far questo. Scrivere insulti sui muri, invece,  non convince nessuno. Abbiamo vinto la guerra e non lo sa nessuno, neanche i nostri militanti !
Allora io voglio rivolgere a tutti voi e attraverso voi anche agli altri che vi ascolteranno questa accorata invocazione “Fatemi crepare vedendo un pochino di luce, fatemi crepare vedendo appena da lontano una fiammella di un fuoco che si riaccende. Ma questa è lotta! Questa è guerra! Non sono chiacchiere! Non basta scrivere articoli e neanche libri. Bisogna saper combattere! Bisogna saper dire: “Io il 7 maggio alle ore 14.00 a qualsiasi condizione atmosferica sarò in centro a piazza del Popolo a Roma.”  e ricordarselo dopo sei mesi. E invece no! Farò! E poi non si fa !È questo il punto! È questa la guerra che noi dobbiamo vincere, quella che i musulmani chiamano Jihad Achbar,  la grande guerra santa, quella all’interno contro le proprie debolezze.
O noi siamo eroi, o noi siamo tutti eroi ( Tutti eroi!, ho detto !), oppure abbiamo già perduto in partenza.  Se noi saremo capaci di essere tutti eroi, a queste condizioni noi abbiamo la vittoria in tasca. Perché gli altri stanno già marcendo. Li vedete che fine hanno fatto i tracotanti bolscevichi e che fine stanno facendo i tracotanti americani. È fallito pure uno stato. Cose incredibili!
Allora tocca a noi. Ma signori miei, non si può fare nei ritagli di tempo! Vi prego, non si può fare. È la cosa principale! La cosa che ci permette di essere orgogliosi di essere uomini. Se non che siamo? Sono meglio i bacarozzi! Sono meglio le cavallette! .Loro, vivono secondo la loro natura. Soltanto noi non saremmo capaci di farlo ?

Rutilio Sermonti

Harlock Lucania 2011 > Quota30

Obiettivo (quasi) raggiunto


Ce l’abbiamo messa tutta e siamo arrivati vicino ad un obiettivo che quest’anno per via della crisi e del cambiamento di metodo poteva risultare inarrivabile. Invece ce l’abbiamo fatta grazie al contributo di molti e soprattutto grazie a quel metodo abbiamo riconosciuto amici e menefreghisti. Per i più, una occasione per ritrovarci insieme e sostenere le azioni virtuose, per gli altri una ennesima occasione persa. Chi dà a chi è in difficoltà, a chi ha bisogno, alle azioni di salvaguardia delle comunità virtuose, coltiva il proprio essere. Chi pensa di potercela fare da solo, si rallegrerà del proprio isolato individualismo affastellandosi in un velleitarismo politico che non da frutti ormai da decenni. Non venga a blaterare di valori e di scenari alla “volemose bene”. Il dado è tratto. I ragazzi di Harlock hanno gioito. Questo è un dato. Grazie di Cuore.

Centro Studi Aurhelio

Il Campo dell’Onore [recensione] MM Merlino

Segnaliamo ai lettori del Blog una recensione di lusso, in esclusiva per Azione Punto Zero, del libro di Nello Gatta

Percorrendo via dell’Impero – forse da qualche decennio le hanno dato altro nome più paesaggistico e meno altisonante, confacente a questa Italietta corrotta e servile, ma a noi la cosa ci lascia totalmente indifferenti -, direzione piazza Venezia, lo sguardo si volge a destra ove sorge, alta 100 piedi romani ( circa 30 metri ), la colonna in onore dell’imperatore Traiano. Fasciata in 114 riquadri decorati con scene cronologicamente consequenziali a descrivere la campagna militare, appunto, dell’imperatore Traiano contro i Sarmati e la conquista della Dacia. All’interno dell’imponente basamento, fregiato dalle aquile della vittoria, si apre la cella ove furono collocate le ceneri dell’imperatore. Fra questi pannelli, i cui calchi si trovano nel museo della civiltà romana all’EUR, abbandonati a favore di uno spazio dedicato all’astronomia ad uso di scolaresche

 sovente distratte e chiassose ( anche qui il nome del museo è stato sostituito…aborrito,ancora una volta, il termine ‘impero’ ), si può ammirare un cavaliere – riquadro 109 – che offre all’imperatore la testa e la mano destra di Decebalo, il capo dei Daci sconfitto e suicidatosi per non cadere prigioniero nelle mani dei soldati romani. Questo cavaliere, come ci viene spiegato nelle appendici del libro, di cui vogliamo tracciare breve recensione, dal 1970 ha finalmente un nome…
‘Sono Tiberio Claudio Massimo, figlio di Quinto, veterano’. Così inizia il libro di Nello Gatta dal titolo Il campo dell’onore ( Castelvecchi Editore), titolo che rimanda ad antiche e al contempo recenti suggestioni. Del resto, se  ai valori diamo il peso dell’eterna immutabilità, eterne riecheggiano nella mente e nel cuore di chi, magari sparuta e indomita minoranza, ne coglie preserva alimenta l’eco interiore. Dicevo ‘suggestioni’, con il rischio di essere frainteso, essendo simili alle emozioni e facili, dunque, ad avere vita effimera e concisa. ‘Non l’intensità ma la durata dei grandi sentimenti rende l’uomo superiore’: Nietzsche docet. E il libro di Nello Gatta, se lo si sottrae al troppo facile ed erroneo accostamento ai vari filoni del genere heroic fantasy, di cui ha la struttura narrativa incalzante, a ben altro ed alto linguaggio appartiene.
E veniamo all’autore… a Torino, nel più prestigioso liceo classico, insegna latino e greco. Titoli acquisiti attraverso la lunga, burocratica trafila università abilitazione supplenze incarichi a tempo determinato, infine, cattedra e registro stabili. Immondizia se non c’è dentro un po’ di vocazione ( guai ad usare il termine che, perdio!, siamo professionisti cianciano i colleghi con la tessera della CGIL e Repubblica in tasca, gli sgrammaticati estensori di documenti relazioni proteste e i più assatanati quando si tratta di lucrare sui fondi per progetti chiacchiere fantasmi ). Soprattutto se non si sono passate ore ed ore sui libri, magari acquistati sulle bancarelle sotto i portici davanti alla stazione di Porta Nuova o letti pazientemente nelle biblioteche comunali. E, ancora, se non ci si è dati alla vita – ‘vitam pro vita exponimus’, cantavamo faccia al sole e in culo al mondo -. ( Caro Nello, sai, ogni volta che, rovistando fra carte e ritagli di giornali, trovo il dattiloscritto Cuore nero, mi viene prepotente la tentazione di correre dallo ‘stampatore’ e dirgli: ‘beccati questo e pubblicalo! Qui c’è tanta della nostra storia…’ ). Nello, lo Strimpellatore Solitario, nella fatidica data del 28 ottobre, boccali di birra fumo acre canti e cazzeggio, decide di suonare le sue canzoni e promuove , sotto il richiamo forte dei cavalieri del Tempio, il gruppo musicale Non Nobis Domine . Ed ecco che La canzone del Quarnaro di Gabriele D’Annunzio diviene MAS 96 e la poesia del capitano della Folgore Bonola, scritta nell’estate del 1945 nel campo di prigionia a Coltano, Non ho tradito, viene ritmata con chitarra e batteria e dalla voce in coro di giovani a braccio teso. Ed è lo stesso promotore ( e, qui, lo dico con tutto il rispetto e la commozione che merita ) che appende al chiodo la chitarra quando il motorino di Cristian corre dritto contro il muro…
E veniamo al libro…e avverto subito l’eventuale lettore di queste note. Del libro e della sua trama poco o nulla dirò. In modo rigorosamente intenzionale. Non siamo a prepararci per l’interrogazione del giorno dopo dove, a volte, un bignami è sufficiente. Un libro, questo libro, va letto. Un dovere, che è atto libero della mente e del cuore, che nasce in noi quale dono per noi… Leggere equivale a diversificate opzioni, noi, però, amiamo quella lettura che diviene specchio di noi stessi. E ci viene a mente quanto scriveva Drieu la Rochelle ne La commedia di Charleroi. Preso dal panico, sotto il fuoco nemico ( siamo durante le prime fasi della Prima Guerra Mondiale ), egli abbandona lo zaino in cui ha riposto il Così parlò Zarathustra. Forse – annota – un soldato tedesco l’avrà raccolto, trovato il libro con le annotazioni a matita e resosi conto di avere un fratello, apparentemente nemico, in spirito e nella carne. Ecco: Il campo dell’onore lo si afferra solo se lo si riconosce simile ad un’idea, una emozione, un comune sentire. Cito: ‘I discorsi sono roba da sofisti, un filosofo parla con le azioni’ –  sorrisi: ‘L’ho sentito dire, ma ho incontrato solo sofisti. La mia filosofia sta negli antichi costumi e nell’esempio degli antichi uomini’(pg.19)… oppure: – Ridacchiai: ‘Poiché amo la mischia, gioia dei forti, e la gloria che sottrae all’imperio della morte’(pg.37)… E, qui, da professore di filosofia ricordo che mi piaceva andare a scuola, in quella scuola ove le zecche fecero muro per impedirmi d’entrare senza successo, come indossando la tuta mimetica, basco sfrontato sulla nuca, armi in pugno… Il lungo raccontare del Tribuno Tiberio Claudio Massimo s’è aperto con questo, eterno, immarcescente campo dell’Onore, a cui ci sentiamo votati. Ad altre prove, altro impavido cuore, memorabili imprese siamo in attesa di poter leggere ed appropriarcene. Soprattutto di poter penetrare e rinnovare in noi quella
concezione espressa da Seneca nella formula ‘vita militia est superterram…Vale, Nello!

Programma fai da te, Civitavecchia 2000, copia & incolla

A Civitavecchia in Giro ci sono tanti buontemponi, vuoi vedere che così per scherzo ne sgamiamo qualcuno? In vista delle elezioni comunali della primavera prossima, c’è la necessità di dare spazio ai giovani con nuove proposte e nuovi progetti, magari innovativi. Però a volte si sa, per redigere un nuovo progetto – soprattutto se giovani, si fa troppa fatica, quindi “La forza dei Giovani”. Uhm … la forza dei giovani …. Si, questa volta ci divertiamo con Civitavecchia Duemila, una lista civica che nasce ancora prima dell’indizione delle elezioni e che tra un business plan e un corso di formazione, come sottolinea in un comunicato “…. per chi ancora non l’ha capito è un’organizzazione territoriale che promuove la cultura dei diritti e doveri del cittadino, del senso di responsabilità e dell’impegno civico in tutte le sue forme (politica, società civile, volontariato ecc)”. Ah, si? Dopotutto avevano anche registrato il marchio (il programma no?), noi non pensavamo fosse una organizzazione che copia e incolla punti del programma da internet. Studiando bene i punti presentati nel suo comunicato ne abbiamo colto un passaggio particolarmente significativo che, per strane combinazioni ci sembrava aver sentito da qualche parte.  A spulciare sul web è stato un attimo e ci è saltato subito all’evidenza come un punto del programma dei Democratici con Comincioli per le elezioni amministrative del 2009 a Villanuova sul Clisi  sia perfettamente identico ad un punto del nuovissimo e giovanissimo programma della “Lista Civica Civitavecchia 2000”: “L’impegno sarà di potenziare i servizi alla persona e di sostegno alla famiglia, anche attivando strumenti e servizi innovativi di gestione, forme partecipative e di condivisione da parte delle famiglie, del volontariato e dell’associazionismo, nonché attraverso la costruzione di una rete integrata di servizi a livello locale e territoriale, sviluppando la collaborazione con le altre Istituzioni preposte (Regione, Provincia, Azienda sanitaria, ecc.) l’Amministrazione comunale dovrà svolgere il suo ruolo istituzionale di primo promotore, erogatore e garante di servizi sociali ed assistenziali, opponendosi a logiche mercantili applicate ai diritti primari e fondamentali.” 
Magari tra l’inizio e la fine c’è qualcosa di diverso ma il succo è paro paro ai simpatici amici di Villanuova sul Clisi che probabilmente si sentiranno fierissimi che il loro programma sta mietendo cosi tanti consensi. A meno che, a meno che …. Non abbiano avuto una sorta di premonizione e siano entrati nella psiche del virgulto civitavecchiese che aveva prodotto questi concetti pur non essendo consapevole che un giorno sarebbero divenuti un programma elettorale. Bene, questo è il primo chissà quanti misteri ci riserverà ancora la “politica” civitavecchiese, del resto la campagna per le comunali della prossima primavera è iniziata adesso ma siamo già al circo: consiglieri comunali citano le frasi di romanzo criminale per sostenere le loro tesi, dirigenti di movimenti giovanili del pdl si scoprono anticapitalisti. Evviva. Per concludere e per quanto sopra espresso auguriamo al simpatico Alessandro Scotto ed ai suoi allegri amici un futuro radioso, un consiglio però possiamo permettercelo. Se proprio deve copiare un programma pensi a quello di Scilipoti, magari ci trova qualche richiamo interessante…… non si può mai sapere!


Il Campo dell’Onore, di Nello Gatta

Segnaliamo ai lettori del Blog, il secondo libro per l’estate che noi di Azione Punto Zero stiamo leggendo dopo aver letto, tutti insieme, lo splendido romanzo storico di Steven Pressfield “Le Porte di Fuoco”.
Il libro: Filippi, provincia di Macedonia. Durante il regno di Domiziano, il diciannovenne Tiberio si arruola nell’esercito imperiale. Suo padre è morto sei anni prima, combattendo contro i Daci. Non è raro che i figli dei soldati scelgano il mestiere dei genitori. Ma il giovane, assetato di vendetta, ha una motivazione particolare. Tagliare la testa di Decebalo, re dei Daci. Il gruppo di reclute intraprende una lunga marcia di trasferimento, agli ordini dell’austero e laconico Centurione Marziale. Seguendo la costa adriatica, percorrono la Dalmazia, l’Italia ed entrano nel Norico. Qui incontrano un distaccamento di ausiliari Breuci, popolazione celto-illirica dell’Impero. Il Centurione Marziale è noto, fra questi soldati, con il soprannome di Aquila Bianca. E fa parte di una confraternita guerriera, i Lupi, che aveva in passato accolto anche Decebalo. Durante uno scontro con un gruppo di razziatori barbari, Tiberio è protagonista di strani eventi. Soprannominato Giovane Lupo, guadagna l’amicizia dei Breuci e il rispetto di Marziale. Che è un celebre eroe delle guerre daciche, degradato da Domiziano per contrasti personali. E, scopre Tiberio, occupa un posto importante nella gerarchia del culto di Mithra, la divinità dei soldati. Giunti in Rezia, presso un reparto di cavalleria comandato da un ex-commilitone di Marziale, comincia a circolare una profezia. Un’aquila e un lupo porteranno a Roma un nuovo invincibile sovrano. Dietro alle parole della profetessa Albruna, che identifica in Marziale e Tiberio i protagonisti della sua visione, c’è un disegno per detronizzare Domiziano. Ma il viaggio prosegue. Un esercito di barbari ha oltrepassato il limes e sta devastando la provincia di Germania. All’orizzonte, una grande battaglia che potrebbe cambiare il destino dell’Impero.
Nello Gatta: Appassionato cultore di storia romana, vive a Torino, dove insegna greco e latino al liceo classico. Il campo dell’onore è il suo primo romanzo.
Editore: Castelvecchi, Collana: Narrativa
Pagine: 256, Anno: 2011, Prezzo: 16 €

Harlock Lucania 2011 > Quota30










Anche quest’anno il Centro Studi Aurhelio, a sostegno della Casa Famiglia Harlock, decide di ripetere il progetto Quota 30 che lo scorso anno ha riscosso partecipazione e successo. L’iniziativa consiste nel trovare, minimo, 30 sottoscrittori per una quota di 10 euro cadauna, il cui totale garantirà ai ragazzi una serena permanenza in terra lucana. Durante la settimana raccoglieremo i fondi e ci vedremo per un aperitivo solidale Sabato 6 Agosto alle 12 a Santa Marinella, presso il Bar dei Portici sulla Via Aurelia, come termine ultimo.

Harlock è una struttura, in provincia di Viterbo, che ospita ragazzi che necessitano di un collocamento alternativo alla famiglia, almeno in una fase della loro vita. Si tratta di Minori che rientrano in progetti alternativi alla detenzione carceraria, minori vittime di abusi e minori che hanno ottenuto l’asilo per la precaria e pericolosa situazione nei loro paesi di origine o minori stranieri non accompagnati. L’equipe si occupa dell’analisi e soluzione delle loro più elementari necessità oltre a quelle più complesse, come il disagio psicologico, reperimento documenti e avviamento al lavoro. I ragazzi frequentano regolarmente la scuola, studiano, praticano sport e, visto che se lo sono meritati, si vuole mandarli circa un mese in vacanza. Tale volontà purtroppo può rimanere tale, vista la mancanza di fondi. Il Centro Studi Aurhelio, rinnova la sua azione di sostegno per le realtà virtuose e promuove anche quest’anno il progetto Harlock Lucania 2011>Quota30. L’iniziativa consiste nel trovare, minimo, 30 sottoscrittori per una quota di 10 euro cadauna, il cui totale garantirà ai ragazzi una serena permanenza in terra lucana. Naturalmente il progetto si avvale anche del sostegno di alcune realtà locali e di realtà associative di Tramutola – PZ. Per ognuno di noi sarà un piccolo sforzo, ma il risultato potrà essere grande.
Trasmettere l’idea che si ottengono i frutti solo con l’impegno ed il sacrificio.

Centro Studi Aurhelio, idee che diventano azioni.
Contatti, sostegno, info: cst.aurhelio@gmail.com

————————–————————–————————–—————

Operazione atterraggio Arcadia in Lucania

Questo anno la ciurma e i pirati della casafamiglia “Harlock”, caleranno sul paese di Tramutola (Pz) per giocare un torneo di calcetto, andare in piscina, fare gite al fiume ed in montagna e chi più ne idèa, più ne realizza. I ragazzi saranno accolti insieme agli educatori in una struttura messa a disposizione dalla Protezione Civile e con annessa cucina e servizi. Abbiamo dei basisti sul territorio: l’Associazione politico-culturale “Tramutola viva”. Con i nostri ragazzi sarà ancora più viva, forse troppo. Sarebbe bello poter avere una divisa calcistica dedicata all’evento, magliette ed un po’ di vil pecunia per pizzate, spesa e via attivandosi.

Siate arrembanti nel supportarci. Piratescamente grazie. I Ragazzi e l’Equipe

Casa Famiglia HARLOCK
01016 Tarquinia (VT) – Alberata Dante Alighieri 29
Tel/Fax 0766855179 – casafamiglia.harlock@gmail.com